Michel Onfray

La scultura di sé

COD: 5c0492567492 Categorie: , Tag:

Per una morale estetica

Traduzione di Gregorio De Paola

Dopo il crollo delle grandi ideologie, la filosofia sembra incapace di offrirci strumenti per orientare la nostra esistenza: al suo posto, trionfano religioni di massa e mode spiritualistiche. Di contro ne La scultura di sé, che all’interno del suo antisistema prende il posto dell’etica e della scienza del buon vivere, Onfray lancia una vigorosa difesa di una morale laica e vitale, al contempo individualista e “generosa”, schierando al proprio fianco gli spiriti ribelli della Storia: l’artista e il torero, il dandy e il samurai, il dongiovanni e l’anarchico.Nella sua lotta contro le morali “della rinuncia”, Onfray rintraccia la chiave della nuova etica nel tradizionale concetto di virtù: non però le virtù cristiane, ma quelle elaborate nel Rinascimento italiano ed esemplificate magistralmente dall’immagine del Condottiero, vero campione della morale estetica. Come in un’antica rappresentazione allegorica, allora, ogni figura passata in rassegna incarna una qualità che l’uomo moderno dovrebbe secondo Onfray recuperare: lo slancio vitale (l’artista) e l’autocontrollo (il torero), l’originalità (il dandy) e la determinazione (il samurai), l’abilità persuasiva (il dongiovanni) e l’individualismo (l’anarchico). Così, sulla scorta di Nietzsche – la cui presenza accompagna costantemente Onfray –, viene motivato il rifiuto della privazione e della sottomissione, della repressione degli istinti e della mortificazione delle pulsioni vitali, ed esaltati al loro posto i valori dell’eleganza, dell’amicizia, delle affinità elettive, della raffinatezza, dell’edonismo. Un individualismo dai tratti anarchici ma munifico e solidale, che rende la prospettiva onfrayana un fecondo a parte nel pensiero etico della contemporaneità.

«La scultura di sé presuppone una vitalità traboccante, il recupero della virtù rinascimentale contro la virtus cristiana, un talento per l’eroismo, una forte individualità, l’assenso all’abbondanza, la capacità di essere prodighi».
Michel Onfray

«Un saggio vivace e senza “polvere”… Onfray preferisce gli aristocratici, creatori di istanti, a quei bacchettoni che credono di guadagnare in grandezza ogni volta che perdono in voluttà… ma sa evitare la trappola che trasforma il gaudente solitario in boia sadiano. Nella cura di sé si sforza di fondare la relazione con gli altri: senza il piacere non c’è morale… Un pensiero che ignora superbamente le note a piè di pagina».
«Le Monde»

«La scultura di sé è un percorso erudito attraverso i sentieri dimenticati della storia e le strade segrete, spesso trasversali e deviate, della filosofia e dell’arte».
«Le Magazine Littéraire»

LA SCULTURA DI SÉ – RECENSIONI

 

LA NUOVA FERRARA
– 01/10/2007

 

Vigorosa difesa della morale laica

 

 

 

STILOS
– 11/09/2007

 

Eroica scultura dell’io

 

 

 

Roberto Ciccarelli, IL MANIFESTO
– 05/09/2007

 

Nel declino della buona società, la carriera è elevata a opera d’arte

 

 

 

Giuliana Bagnasco, PROVINCIA GRANDA
– 02/08/2007

 

Letture d’agosto: il modo più “intrigante” di viaggiare

 

 

 

Brunella Schisa, IL VENERDÌ DI REPUBBLICA
– 17/08/2007

 

Un filosofo indaga le virtù non religiose

 

 

 

Barbara Romagnoli, LIBERAZIONE
– 26/07/2007

 

Michel Onfray: “Edonismo libertario contro il liberismo”

 

 

 

IL SECOLO XIX
– 09/07/2007

 

La scultura del Sé

 

 

 

Gaspare Barbiellini Amidei, IL SOLE 24 ORE
– 03/06/2007

 

La rivincita degli atei

Odifreddi e Onfray

 

 

LEFT
– 08/06/2007

 

Dopo il trattato di ateologia

 

 

 

Giuseppe Scaraffia, IO DONNA
– 26/05/2007

 

Se un ateo incontra un dandy

 

 

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
La scultura di sé
Collana:
Numero Collana:
158
Pagine:
252
Codice isbn:
9788881128297
Prezzo in libreria:
€ 15,00
Data Pubblicazione:
02-05-2007

Libri dello stesso autore

L’arte di gioire

Michel Onfray

Traduzione di Gregorio De Paola Per tradizione, il corpo è sempre stato trascurato nella storia della filosofia perché, al contrario dalla mente (tratto distintivo dell'essere raziocinante), dimostrava quanto fossero ancora forti i legami tra uomo e animale. Pur di allontanare..
VEDI DETTAGLI

L’età dei libertini

Michel Onfray

Traduzione di Gregorio De Paola Nel terzo volume della sua Controstoria, Michel Onfray affronta la filosofia del Seicento: il Grand Siècle, il secolo di Richelieu e dell'assolutismo, di Luigi XIV e di Versailles. Dopo aver tentato di liberare la filosofia antica dell'egemonia..
VEDI DETTAGLI

La politica del ribelle

Michel Onfray

Traduzione di Tommaso Ferrero Postfazione di Massimiliano Panarari Nel Trattato di ateologia ha demolito i dogmi delle religioni monoteiste. Nella Teoria del corpo amoroso ha affermato la necessità di un edonismo gioioso e vitale. Nella Scultura di sé ha..
VEDI DETTAGLI

Atei o credenti?

Michel Onfray

Fra distanze incolmabili e impreviste affinità, senza preoccupazioni di correttezza politica, finalmente un incontro-scontro a tutto campo fra chi crede e chi no. I temi della fede e della religione, e del loro conflitto con la cultura laica, sono al centro di un interesse tuttora crescente,..
VEDI DETTAGLI

Il cristianesimo edonista

Michel Onfray

Traduzione di Gregorio De Paola In questo secondo dei sei volumi della Controstoria della filosofia – che segue a Le saggezze antiche, dedicato alla Grecia e a Roma – Michel Onfray continua nella riscoperta e rivalutazione degli “sconfitti” del pensiero filosofico:..
VEDI DETTAGLI

Le saggezze antiche

Michel Onfray

Traduzione di Gregorio De Paola Da troppo tempo, l'accademia ha deciso di destinare all'oblio interi continenti della storia della filosofia; da troppo tempo, continua a incensare i protagonisti più seriosi e austeri della grande battaglia delle idee. Perché? Perché la storia..
VEDI DETTAGLI

Teoria del corpo amoroso

Michel Onfray

Traduzione di Gregorio De Paola Per farla finita con la monogamia, la fedeltà, la procreazione, la famiglia, il matrimonio e la connessa coabitazione, in questo libro Michel Onfray ridefinisce il desiderio come eccesso, il piacere come dispendio e propone una teoria del..
VEDI DETTAGLI

Trattato di ateologia

Michel Onfray

Traduzione di Gregorio De Paola Dio non è affatto morto, o se lo era è ormai nel pieno della sua rinascita, in Occidente come in Oriente. Di qui l'urgenza, secondo Onfray, di un nuovo ateismo argomentato, solido e militante. Un ateismo che non si definisca solo in negativo, ma..
VEDI DETTAGLI