Léo Malet

L’ombra del grande muro

COD: c86a7ee3d8ef Categorie: , Tag:

Traduzione di Giuseppe Di Liberti
A cura di Luigi Bernardi

Considerato un libro di culto tra gli affezionati di Léo Malet, L’ombra del grande muro è il primo dei romanzi “fuori serie” di Malet, in cui l’autore incrocia per un momento quel noir di cui è inventore con il linguaggio e le atmosfere dell’hard boiled. Il grande muro che dà il titolo al romanzo è il muro di cinta del penitenziario di Ossining, New York, dove è rinchiuso il dottor Crawford, la cui storia drammatica Malet ci racconta con lo stile asciutto e denso di sempre. Condannato innocente a tre anni di carcere pur di proteggere l’onore di una donna, Crawford impara in prigione un nuovo codice di comportamento e, scontata la pena, abbandonato dagli amici, senza più nulla, privato persino del diritto di esercitare la professione, si lascia travolgere nella spirale del crimine organizzato. Capitato in mezzo a una banda di gangster, ne diviene infatti il medico e la sua vita si consuma tra assalti in banca, fughe spericolate, revolverate, feriti da salvare e cadaveri di cui disfarsi, fino a quando l’ombra del grande muro, rimasta in lui come un segno indelebile, inesorabile ritorna. Più che l’intreccio e l’indagine è però la vicenda umana a dominare questo romanzo, una vicenda segnata da una sorte crudele e senza vie d’uscita a margine di quell’America anni Trenta fatta di gangster, whisky e revolver facili, di cui tanto abbiamo letto, visto e immaginato. “Trascinavo con me l’ombra del grande muro e sulla mia persona l’impronta della grigia dalle sbarre d’acciaio, cruciverba nel quale non si scrive mai l’aggettivo libero”.

L’OMBRA DEL GRANDE MURO – RECENSIONI

 

Elisa Piccinini, GAZZETTA DI PARMA
– 11/12/2004

 

Nero Natale

 

 

 

Massimo Romano, TTL – LA STAMPA
– 08/01/2005

 

La prigione marchia l’innocente di Léo Malet

 

 

 

Guido Caldiron, LIBERAZIONE
– 12/10/2004

 

Tra noir e hard boiled

 

 

 

Tatiana Battini, IL FALCONE MALTESE
– 01/01/2005

 

Léo Malet: discesa all’ inferno in quel di New York

 

La cinta muraria del penitenziario di Os-sining che dà il tito-lo al romanzo, ” Il gran-de muro”, è a New York, dove il Dottor Lew Crawford ha scontato in-giustamente tre anni di pena.
Qualcuno lo ha incastra-to alla perfezione in una torbida storia di omici-dio e le accuse contro di lui sono montate ad ar-te. Inizia così l’amara vi-cenda di Crawlford, mal-trattato dalla sorte, di-silluso e desideroso di trovare un po’ di confor-to una volta riacquistata la libertà. Purtroppo in-vece il destino consegna Crawford direttamente tra le braccia di una donna conturbante e, indirettamente, nelle mani di una banda cri-minale della quale entra a far parte nel ruolo di medico “estrai pallottole”. Una nuova esistenza tutta illegale per il no-stro eroe, che si macchia di crimini notevoli (finalmente colpevole!) di-venendo al contempo l’angelo custode del gruppo, salvando la vita di molti dei suoi compa-gni di scorribande. Al protagonista piace la sua nuova esistenza, vi-sto che nessuno dei vec-chi amici sembra ricordarsi di lui, tanto vale crearsi una nuova identità con degli amici particolari, criminali certo, ma dopo un po’ ci fa l’abitudine.
Una cronaca lucida di un tipo di società che non perdona, una New York anni ’30 che continua a camminare lungo il sentiero della democrazia e della ricchezza, ma non aspetta chi è rimasto indietro: chi ha bisogno di un aiuto o di una riabilitazione deve cercarla altrove, magari tra i criminali, dove l’onta della detenzione è facilmente dimenticata.
Lèo Malet considerato un maestro del genere noir, ne “L’ombra del grande muro” fa percepire anche un influsso hard-boiled. Non biso-gna infatti confondere i generi. A differenza del poliziesco o del thriller, il noir è incentrato quasi esclusivamente sulla vit-tima e le sue disavventu-re e meglio se queste di-savventure lo fanno sci-volare (Crawford nel no-stro caso) in un abisso indistinto di malvagità, e perdizione. Per il re-sto, che si tratti della ro-mantica Parigi o della caotica New York, per Malet non fa alcuna differenza.
L’atmosfera è cupa, i locali sono fumosi, le strade deserte e livide, le donne sono brune dal sapore latino o bionde dal fascino algido, gli uomini sono dei duri dai principi morali più o meno approssimativi e non mancano mai di tenere stretta tra le labbra una sigaretta o una pipa…Il pensiero guida nei romanzi di Malet è poco ,confortante e molto elo-quente: visto che l’ ordine è il male, allora non si sfugge dal male che commettendo altro male, -magari di grado peg-giore.
Molte volte sì è tentato di confrontare i due grandi della letteratura “gialla” francese, Sime-non e Malet, ma i loro personaggi, così come le atmosfere e i caratteri, appartengono a due mondi differenti, anzi opposti, l’unica analogia tra l’ispettore Maigret di Simenon e l’ investiga-tore Nestor Burma di Malet è la città di Parigi che fa da sfondo ad alcu-ne delle inchieste dei due investigatori.
Anche qui però ci sono delle differenze sostan-ziali, un po’ come se due pittori di uguale fama ma diverso stile decides-sero di cogliere l’essenza di una stessa città.

 

Erica Arosio, GIOIA
– 23/11/2004

 

Otto storie tra il giallo e il nero

 

Un medico viene incastrato in un omicidio: per non compromettere una donna, tace e va in galera. Impossibile la redenzione a pena scontata. Un capolavoro del noir.

 

Ma.Os., IL CITTADINO
– 17/02/2005

 

Una gangster story che parla francese

 

 

 

Domenico Gallo, PULP
– 20/01/2005

 

LEO MALET

 

L’ombra del grande muroè il romanzo di Léo Malet che più si avvicina alle opere tragiche della Trilogia nera, e di cui presenta tutti i temi più interessanti. La storia è ambientata negli Stati Uniti, quando, nel 1942, lo scrittore, che viveva sotto l’occupazione nazista della Francia, cercava di guadagnarsi da vivere con storie avventurose in perfetto stile pulp, firmate sotto pseudonimo. Questa è una letteratura che risente fortemente l’influsso del cinema e delle sensazioni più immediate, con dialoghi ridotti al minimo e descrizioni essenziali, lasciando all’azione il compito di tenere il lettore avvinghiato alle pagine. Anche se era ancora un giovane scrittore, Malet aveva già chiaramente compreso che la letteratura, anche quella dozzinale, gli consentiva di mettere in campo tutto il proprio bagaglio di esperienze e amarezze che la sua vita difficile gli aveva offerto a profusione. Era stato molto tempo in assoluta povertà ed era sopravvissuto anche grazie alla solidarietà delle comunità anarchiche di Parigi, e per questo era stato deportato in campo di concentramento. La sua era una vita che condivideva con l’illegalità molti aspetti, e che gli ha permesso di comprendere come pochi quel meccanismo di esclusione e di condanna anticipata che ha descritto in molti romanzi. Così è per un medico ingiustamente accusato di omicidio, il rpotagonista de L’ombra del grande muro, che porta dentro di sé l’ombra proiettata dal muro di cinta del carcere, e la cui vita è segnata perché sono solo i fuorilegge a offrirgli conforto e aiuto. In una realtà che sembra cospirare contro i protagonisti per impedire che si salvino, Malet diffonde il proprio pessimismo e un senso di isolamento fuori dal comune. Costretti a essere criminali, i protagonisti di questi romanzi hanno come speranza solo la fuga, una fuga senza fine destinata ad arrestarsi davanti alle pistole della polizia. Una vita vissuta alla giornata, in attesa dell’agguato finale, consumata nell’anonimato, chiusi nei covi, spesso in solitudine.
Uno schifo di vita, appunto.

 

Corrado Augias, IL VENERDÌ
– 29/10/2004

 

L’ombra del grande muro

 

Francese, maestro del noir, Malet è giudicato (non a torto) migliore di Simenon. Questo è forse il suo capolavoro. Un medico, condannato innocente al carcere, impara in prigione le regole della malavita dalle quali non si libererà più. Ambientato nell’America degli anni Trenta, è più convincente di molti romanzi e film americani (genere gangster e whisky) sull’argomento.

 

Nicoletta Sipos, CHI
– 06/10/2004

 

L’ombra del grande muro

 

Un medico, innocente, viene condannato e rinchiuso in un penitenziario a New York. La vita in carcere cambia il suo sistema di valori, al punto da trasformarlo nel complice di una banda di gangster. Un noir francese perfetto dove il grande Léo Malet sa creare la giusta atmosfera maledetta e dove la suspence si sposa con una scrittura magistrale.

 

LA STAMPA
– 08/01/2005

 

L’ombra del grande muro

 

I due romanzi polizieschi pubblicati sotto pseudonimi americani, John-nyMetal (1941) con il nome di Frank Harding e La mort de Jim Licking (1942) con la firma di Leo Latimer. Aveva poco più di trent’anni e i suoi numi tutelari erano i maestri americani dell’hard boiled, Dashiell Hammett, James Cain e Raymond Chandler, 1 creatori di personaggi malinconici e cinici, violenti e romantici, dark ladies affascinanti e pericolose che si muovono in ci.ttà malavitose dove echeggiano gli spari di rivoltelle da auto in corsa .lanciate a tutta velocità e bande criminali si affrontano tra fumo di sigari, partite a poker, bottiglie di gin e pollici che scorrono lungo le bretelle.
L’ombra del grande muro è il terzo romanzo di Jfdalet, il primo firmato con il suo nome. Scritto nel 1942 è pubblicato nel 1944, dopo 120, rue de là Gare, dove appare per la prima volta l’investigatore Ne-stor Burma, viene ora tradotto in italiano e curato da,Luigi Bernardi, che lo definisce «una classica gangster story», «un. noir maledetto». Se nei romanzi precedenti Malet aveva affilato gli strumenti del mestiere, pronto per il grande salto e si presenta al pubblico con una storia forte, serrata nella struttura ed efficacissima nel linguaggio.
Il protagonista della vicenda è un giovane chirurgo, . Crawford, che sconta tre anni di prigione per un delitto che non ha commesso. La sua amica Evelyn Stacy è stata assassinata e ai piedi del letto è stato rinvenuto un gemello di valore, un modello unico da quattrocento dollari,-appartenente a Crawford. Il chirurgo si è lasciato accusare come colpevole per non compromettere la sua amante, moglie di Un uomo potente, «grasso e lucido come un maiale», aspirante alla carica di sindaco di Nèw York.
Uscito di galera, non riesce a liberarsi del marchio della prigione, «l’ombra del grande muro», e diventa il medico di una banda di criminali. Mahoney, il precedente dottore a cui salva la vita quando il capo intende eliminarlo perché non si è fatto trovare pronto a prestargli le sue cure dopo una sparatoria, gli svela l’identità dell’assassino di Evelyn. E Crawford prepara la sua vendetta.
Come scrive Malet nella premessa, questo romanzo è «la storia di un innocente che la fatalità spinge nel fango sanguinoso del crimine». Ambientato nell’America degli anni Trenta, un paese che l’autore non ha mai visto, ricostruito con il filtro della memoria cinematografica e letteraria, è un noir asciutto, senia concessioni allo spettacolo, sorretto da una scrittura tesa che tiene il lettore con il fiato sospeso sino alla fine. Anticipa la Trilogie noir (1969), che uscì con la celebre copertina disegnata da Magritte, ed è superiore alle avventure di Néstor Burma nella serie dei «Nuovi misteri di Parigi», 15 romanzi ambientati nei diversi quartieri della città, interessanti più per la suggestione davvero fascinosa delle atmosfere anni Cinquanta che per la geometria degli intrecci, talvolta un po’ confusi e squilibrati.

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
L’ombra del grande muro
Collana:
Numero Collana:
86
Pagine:
143
Codice isbn:
9788881125609
Prezzo in libreria:
€ 15,00
Data Pubblicazione:
17-09-2004

Libri dello stesso autore

nestor burma e il mostro

Nestor Burma
e il mostro

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini È agosto e all’Agenzia Fiat Lux non si muove foglia. Nestor Burma si ritrova senza molto da fare: subisce l’agguerrita concorrenza di un ambizioso giornalista che, grazie alle sue inchieste, cerca di offuscare la sua fama e di rubargli il..
VEDI DETTAGLI
Il cadavere ingombrante

Il cadavere ingombrante

Léo Malet

Traduzione di Giuseppe Pallavicini La signora Désiris non si spiega alcune entrate misteriose sul conto in banca del marito. Decisa a fare chiarezza, chiama Nestor Burma. Ma quando il detective arriva a casa dei coniugi, li trova entrambi morti. Secondo la polizia il marito ha..
VEDI DETTAGLI
120, rue de la gare

120, rue de la Gare

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini Primi anni Quaranta. C’è la guerra. Nestor Burma è appena tornato dal campo di prigionia e vede per caso Colomer, suo socio all’agenzia investigativa Fiat Lux prima che venisse chiusa, davanti alla stazione di Perrache. Proprio quando i due si..
VEDI DETTAGLI
delitto al luna park

Delitto al luna-park

Léo Malet

Traduzione di Giuseppe Pallavicini È maggio, a Parigi. Il XII arrondissement, un tempo teatro importante della Rivoluzione, è oggi pungolato dalla cosiddetta doccia scozzese: un acquazzone, un raggio di sole, un raggio di sole, un acquazzone... Nestor Burma è in stazione ad..
VEDI DETTAGLI
il boulevard delle ossa

Il boulevard
delle ossa

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini È primavera, e all’agenzia d’investigazione Fiat Lux è un gran giorno: Nestor Burma e la sua assistente Hélène hanno appena vinto due milioni alla lotteria. Bisogna festeggiare, pipa in bocca e bicchiere in mano. Ma non si può mai stare..
VEDI DETTAGLI
nebbia sul ponte di tolbiac

Nebbia sul ponte
di Tolbiac

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini Quando Nestor Burma riceve una misteriosa richiesta d’aiuto dall’ospedale della Salpêtrière, si precipita sul posto a dare un’occhiata. Ma è troppo tardi: Abel Benoit, un vecchio anarchico, è morto prima di poter parlare con lui. Cosa..
VEDI DETTAGLI
le acque torbide di javel

Le acque torbide di Javel

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini Dicembre è insolitamente mite a Parigi, ma Hortense Demessy non riesce ad assaporarne la dolcezza: Paul, il suo compagno, ex senzatetto e ora operaio metalmeccanico, è scomparso all’improvviso dall’appartamento in rue de la Saïda lasciandola..
VEDI DETTAGLI

Le inchieste di Nestor Burma II

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini Un ricatto di troppo Il Quinto Processo Il sole sorge dietro il Louvre Sono qui raccolti tre episodi della serie che ha come protagonista Nestor Burma, il famoso detective, anarchico e ironico, che ha la taglia dell'antieroe:..
VEDI DETTAGLI

Le inchieste di Nestor Burma I

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini Chilometri di sudari Baraonda agli Champs-Elysées Morte a Saint-Michel Sono qui raccolti tre episodi della serie che ha come protagonista Nestor Burma, il famoso detective, anarchico e ironico, che ha la taglia dell’antieroe:..
VEDI DETTAGLI
il quinto processo

Il quinto processo

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini «Un uomo era lì steso, legato ai polsi e alle caviglie, gli abiti sporchi, le mani e il viso non certo più puliti: era infangato fino al collare di barba. Il signor Maillard in persona, rigido come un pezzo di legno. La vecchia aveva ragione,..
VEDI DETTAGLI
Il sole sorge dietro il Louvre

Il sole sorge dietro il louvre

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Nestor Burma torna a indagare i misteri della sua città, Parigi. Questa volta protagonista è il I arrondissement, quello del Louvre, il vero cuore della metropoli. Un cuore dove, tra trafficanti e falsari di opere..
VEDI DETTAGLI

Un ricatto di troppo

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A dieci anni dalla morte (3 marzo 1996-2006) di uno dei maggiori scrittori di noir e polizieschi, Fazi Editore, che ha fatto conoscere in Italia la saga dell'investigatore Nestor Burma, pubblica un nuovo titolo della serie I nuovi misteri di..
VEDI DETTAGLI
Tutti a la Muette

Tutti muti a la Muette

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Il XVI è un arrondissement parigino "nobile", da sempre abitato da famiglie facoltose e molto attente all'etichetta. E proprio per evitare uno scandalo, la signora Ailot ingaggia Nestor Burma perché recuperi i gioielli..
VEDI DETTAGLI
morte a saint michel

Morte a Saint-Michel

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Delimitato dal celeberrimo Boulevard Saint-Michel, il cosiddetto quartiere latino pullula di studenti, locali di ritrovo, cabaret. Ma anche di misteri. Cosa c’è dietro l’apparente suicidio di un giovane, figlio di un..
VEDI DETTAGLI
chilometri di sudari

Chilometri di sudari

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Un nuovo episodio che getta un po' di luce anche sull'ambiguo e "chiacchierato" rapporto che lega la graziosa ed efficiente segretaria al suo capo, senza tuttavia rallentare il susseguirsi di colpi di scena. Secondo..
VEDI DETTAGLI

Trilogia nera

Léo Malet

A cura di Luigi Bernardi Traduzione di Luigi Bergamin e Luciana Cisbani Amour fou e impeto rivoluzionario, sogni che si vogliono trasformare in realtà e incubi che sono la realtà, destini inesorabilmente condannati alla fine peggiore: ecco gli elementi che..
VEDI DETTAGLI
Pandemonio a rue des Rosiers

Pandemonio a rue des Rosiers

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Ambientato nel quartiere ebraico di Parigi negli anni successivi alla fine della guerra, quando le ferite provocate dall'odio razziale sono ancora fresche, Malet riesce a trattare la questione ebraica senza retorica,..
VEDI DETTAGLI
La notte di Saint-Germain-des-Prés

La notte di Saint-Germain-des-Prés

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Come sua consuetudine nella serie di romanzi dedicata all'impareggiabile Nestor Burma, Léo Malet ci porta alla scoperta di un nuovo arrondissement di Parigi. Questa volta si tratta del VI, Saint-Germain-des-Près, il..
VEDI DETTAGLI
I ratti di Montsouris

I ratti di Montsouris

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Tradotto per la prima volta in italiano, I ratti di Montsouris è una nuova sfida per l'investigatore Nestor Burma. Quando imbocca rue Blottière, Nestor Burma ricorda che l'’ultima volta che aveva sentito parlare di..
VEDI DETTAGLI

Nodo alle budella

Léo Malet

A cura di Luigi Bernardi Traduzione di Luciana Cisbani Paul Blondel sogna tutte le notti un piccolo uomo grigio. Quella figura, che non conosce e non sa da dove tragga origine, è diventata un incubo che gli impedisce di trovare riposo. Per dargli corpo,..
VEDI DETTAGLI
Febbre nel Marais

Febbre al Marais

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Quando Nestor Burma va per recuperare del denaro da un usuraio di Rue des Francs-Bourgeois, lo trova morto, con la faccia sporca di rossetto. Due gli elementi che permetteranno a Nestor Burma di risolvere il caso, in..
VEDI DETTAGLI

Il sole non è per noi

Léo Malet

A cura di Luigi Bernardi Quando si arriva a Parigi troppo giovani bisogna fare attenzione: è facile finire nei guai. André Arnal, aspirante artista giunto dalla provincia, ne fa esperienza sulla propria pelle finendo in prigione per vagabondaggio. È il 1926, «l’epoca della..
VEDI DETTAGLI

La vita è uno schifo

Léo Malet

A cura di Luigi Bernardi Pubblicato originariamente alla fine degli anni Quaranta e poi riunito nella Trilogie noire nel 1969 La vita è uno schifo è considerato il romanzo capostipite del noir francese. Un gruppo di anarco-comunisti intendono sostenere, con furti e rapine,..
VEDI DETTAGLI