Gore Vidal

Myra Breckinridge

COD: 32b30a250abd Categoria: Tag:

Introduzione di Claudio Gorlier
Traduzione di Vincenzo Mantovani

«Io sono nata per essere una stella, e oggi ne ho tutta l’aria».
Fin da bambina Myra vuole entrare nello sfavillante mondo di Hollywood, tanto da plasmare la propria vita come fosse una continua messa in scena: creatura versatile, Myra è nata uomo – si chiamava Myron – ma finalmente è riuscita a diventare donna: bella e inarrivabile, femmina trionfante che «nessun uomo possiederà mai», è un insegnante di una scuola di recitazione in cui sa come mettere a soqquadro le regole di bon ton. Mentre da uomo ha vissuto il sesso in modo passivo, ora è arrivato il tempo della vendetta e la vittima prescelta sarà il giovane Rutsy, giovanotto piacente dalle belle speranze drammaturgiche, sul quale la prorompente insegnante eserciterà un ambiguo potere. E se la volontà di scardinare gli equilibri tra i due sessi, di propugnare un carnevale della cultura americana degli anni Sessanta è la missione della nostra eroina, d’altra parte qualcosa non torna nel rovesciamento di ruoli, e proprio lei s’innamorerà dell’ex ragazza del maltrattato giovane, la dolce e ferrea eterosessuale Mary-Ann.
Bestseller da tre milioni di copie, funambolica pantomima pop, Myra Breckinridge è il primo romanzo raccontato dal punto di vista di un transessuale. Scritto nel 1968, il capolavoro di Gore Vidal è un’esilarante e attualissima mortificazione del culto della mascolinità di chi vedeva – quarant’anni fa – attraverso le gabbie del pregiudizio americano e scopriva le carte al futuro della cultura sessuale e alla sua urgente evoluzione: uno sguardo che ancora oggi scuote il lettore per tale e tanta irriverenza.

«Avete dato un’occhiata a Myra Breckinridge? Non credevo che sarei arrivato a dire qualcosa di buono sul lavoro di Gore, ma…».
Truman Capote

«In Myra Breckinridge Vidal sa essere devastante e allo stesso tempo irresistibilmente comico».
Mario Praz

«Myra Breckinridge ha un gusto piccante e allo stesso tempo sembra aver fissato i limiti oltre i quali la più raffinata estetica neopornografica possa mai spingersi…. ».
Harold Bloom

MYRA BRECKINRIDGE – RECENSIONI

 

MATRIX
– 01/04/2008

 

Crudele gioco sessuale

 

 

 

Luca Scarlini, L’INDICE
– 01/04/2008

 

C’era una volta il camp

 

 

 

Alberto Cellotto, CHECK OUT
– 13/02/2008

 

Myra Breckinridge

 

 

 

Gore Vidal, Myra Breckinridge, Fazi, 2007, pp. 294, € 18,50

 

 

 

Riproposto da Fazi, nella traduzione d’autore di Vincenzo Mantovani (rivista e ripulita da certe prudenze e autocensure che caratterizzavano la precedente versione, uscita per Bompiani), un romanzo di culto del 1968, best-seller da 3 milioni di copie, ispiratore a sua volta di un cult-movie hollywoodiano con Rachel Welch e Mae West. Il libro scandalizzò in lungo e in largo al momento dell’uscita. Il New York Times si chiese se il decoro letterario fosse mai caduto così in basso, Vidal e la sua scomoda frusta satirica sulla borghesia puritana dei Sixties furono portati in tribunale.

 

Perché? Perché questo è il romanzo di Myron (Myron è anche il titolo del libro che segue Myra Breckinridge, il suo alter ego), un personaggio nato uomo che muta la propria identità in una sfavillante donna che “nessun uomo possiederà mai”, tutta intenta nel suo ruolo di insegnante in una scuola di recitazione, nella sua scalata a Hollywood, nel suo operato prevaricante e annientante sul macho americano colpito dalle sue continue angherie. Il prescelto per queste angherie è l’allievo del corso di Portamento e Empatia, tale Rusty, che ne passerà di cotte e di crude venendo letteralmente stuprato da Myra (la descrizione dello stupro avviene in un capitolo a dir poco memorabile), la quale poi, non paga, gli sottrarrà anche la ragazza e trasformerà il povero Rusty in un instancabile stallone pronto a soddisfare gli appetiti di signore mai stanche.

 

Romanzo tra i più noti di Vidal, Myra Breckinridge è alla sua maniera un romanzo da primato, non solo in termini di copie vendute: è infatti il primo romanzo scritto dal punto di vista di un transessuale e segna anche l’inizio di una nuova evoluzione della cultura sessuale.

 

Natalia Aspesi, ELLE
– 01/02/2008

 

La regina di Hollywood

 

 

 

ENOGEA
– 01/01/2008

 

Seventies

 

 

 

TTL – LA STAMPA
– 12/01/2008

 

Le luci di Hollywood

 

 

 

Matteo B. Bianchi, LINUS
– 01/01/2008

 

Myra Breckinridge

 

 

 

ADNKRONOS
– 05/01/2008

 

IL RAPPORTO UOMO DONNA SECONDO GORE VIDAL

 


Roma, 5 gen. – (Adnkronos/Adnkronos Cultura) – Myra ha un obiettivo scellerato e in apparenza irraggiungibile. Intende conquistare il mondo splendente di Hollywood. Vuole, soprattutto, imporsi con tutta la sua forza dominando gli uomini e sottoponendoli alle sue angherie. Vuole, in altri termini, ribaltare gli schemi abbattendo il potere maschile. E’ lei la protagonista del romanzo di Gore Vidal ”Myra Breckinridge”, pubblicato dalla casa editrice romana Fazi.

Scritto nel 1968 il romanzo ha suscitato grande interesse ma, allo stesso tempo, parecchie polemiche. Lo stesso Gore Vidal ricorda nelle pagine introduttive del volume le critiche e i successi che ha suscitato il suo romanzo. ”Nel corso degli anni -scrive infatti- due o tre critici americani hanno lodato ‘Myra’ , ma poiche’ si tratta di uno di quei libri che non dovrebbero esistere in un paese libero, e’ stato cancellato dalla nostra storia letteraria. Per fortuna gli europei hanno sempre ammirato Myra e la sua buona novella”.

In ogni caso, il libro si e’ ben presto imposto all’attenzione degli esperti vendendo peraltro oltre tre milioni di copie. Myra, la protagonista, dunque, insegna in una scuola di recitazione. Gli uomini hanno sempre mostrato interesse nei suoi confronti. Eppure, per molto tempo, e’ stata un ‘soggetto passivo’. Ora, pero’, decide di cambiare strategia. Vuole essere, infatti, un soggetto attivo esercitando il suo fascino e il suo potere sugli uomini. E’ per questo motivo che prende di mira Rusty, un ragazzo piacente con molte speranze drammaturgiche. Mano a mano lo sottopone ad una serie sempre piu’ consistente di angherie e di ingiustizie. Dimostra, in realta’, di essere in grado di comandarlo anche dal punto di vista sessuale. Ricco di eventi imprevisti, il libro di Gore Vidal ha superato i pregiudizi sulla sessualita’ della sua societa’ americana degli anni Settanta mettendo in crisi in modo determinante il culto della virilita’.

 

Irene Bignardi, VANITY FAIR
– 03/01/2008

 

Le parolacce di Myra aggiornate al 2007

 

 

 

Natalia Aspesi, LA REPUBBLICA
– 19/12/2007

 

Scandalo Vidal

Omosex, quarant’anni dopo

 

 

Guido Caserza, IL MATTINO
– 15/12/2007

 

Quando Vidal si vendicava di Hollywood

 

 

 

David Fiesoli, IL TIRRENO
– 15/12/2007

 

Sotto l’albero – I libri

 

 

 

Guido Caserza, LA SICILIA
– 12/12/2007

 

La parodia del maschio americano

 

 

 

Susanna Legrenzi, IO DONNA
– 08/12/2007

 

Myra Breckinridge

 

 

 

LA REPUBBLICA
– 08/12/2007

 

Myra Breckinridge

 

 

 

Guido Caserza, L’UNIONE SARDA
– 01/12/2007

 

Scandaloso Gore, il mito resiste

Ristampato in Italia il romanzo che colpì l’America 40 anni fa

 

 

Graziella Pulce, ALIAS
– 24/11/2007

 

La commedia dei sessi

 

 

 

AMICA
– 01/12/2007

 

Myra Breckinridge

 

 

 

VANITY FAIR
– 15/11/2007

 

Guarda guarda chi si rivede

 

 

 

Francesco Pacifico, ROLLING STONE
– 01/11/2007

 

Gore Vidal – Myra Breckinridge

 

 

 

Natalia Aspesi, LA REPUBBLICA
– 24/08/2007

 

Dove sono finite le donne

 

 

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
Myra Breckinridge
Collana:
Numero Collana:
133
Pagine:
304
Codice isbn:
9788881128822
Prezzo in libreria:
€ 18,50
Data Pubblicazione:
08-11-2007

Libri dello stesso autore

impero

Impero

Gore Vidal

Traduzione di Benedetta Marietti Dopo L’età dell’oro e Emma, 1876 prosegue il ciclo Narratives of Empire: sette romanzi che, tra feroci polemiche e grandi consensi, hanno accompagnato Gore Vidal per oltre trent’anni. Una vera e propria controstoria dell’America, dalla..
VEDI DETTAGLI
la statua di sale

La statua di sale

Gore Vidal

Traduzione di Alessandra Osti La statua di sale è la storia di Jim Willard, figlio “normale” di una famiglia della media borghesia del Sud: bello, atletico e schivo. E innamorato del suo migliore amico. Dopo un weekend d’amore insieme a lui, Jim trascorrerà molti anni..
VEDI DETTAGLI
emma, 1876

Emma, 1876

Gore Vidal

Traduzione di Silvia Castoldi «Ho sempre pensato che da qualche parte in questo paese corrotto e moralista ci siano ancora degli uomini che sanno come dovrebbe essere fatta una società che si rispetti». È il 1876, l’anno in cui cade il centenario della fondazione degli..
VEDI DETTAGLI
L'età dell'oro

L’età dell’oro

Gore Vidal

Traduzione di Luca Scarlini Narratives of Empire è una vera e propria controstoria dell’America, dagli albori della repubblica statunitense fino al secondo dopoguerra, composta da sette romanzi: Burr; Lincoln; Emma, 1876; Impero; Hollywood; Washington D.C.; L’età..
VEDI DETTAGLI
giuliano gore vidal

Giuliano

Gore Vidal

Postfazione di Domenico De Masi Traduzione di Chiara Vatteroni Pubblicato per la prima volta nel 1964, Giuliano è uno dei romanzi di maggiore successo di Gore Vidal. La fortuna ininterrotta che i lettori gli hanno tributato dalla sua uscita e gli apprezzamenti..
VEDI DETTAGLI
creazione

Creazione

Gore Vidal

Prefazione di Anthony Burgess Traduzione di Stefano Tummolini Socrate, Buddha, Confucio, protagonisti degli splendori culturali dell’antichità classica, rivivono grazie alla magistrale penna di Vidal in tutta la loro grandezza umana, spirituale e intellettuale. Ciro Spitama,..
VEDI DETTAGLI

Duluth

Gore Vidal

Con uno scritto di Italo Calvino Traduzione di Alberto Cellotto Duluth è una città degli Stati Uniti, un serial televisivo, un luogo in cui vengono meno le coordinate narrative del tempo e dello spazio. A Duluth si incrociano, fra gli altri, una donna tenente..
VEDI DETTAGLI

Il giudizio di Paride

Gore Vidal

Traduzione di Caterina Cartolano Attraverso le vicende del giovane protagonista, Vidal reinterpreta il mito greco di Paride, il principe di Troia che dovette scegliere tra Era, Atena e Afrodite, ovvero: il potere, la saggezza e la bellezza. Philip Warren, ventottenne americano..
VEDI DETTAGLI

L’invenzione degli Stati Uniti

Gore Vidal

Traduzione di Marina Astrologo Gore Vidal torna a parlare di storia americana. Stavolta non si tratta di un romanzo ma di un saggio, che negli USA ha ricevuto recensioni entusiastiche ed è stato tra i libri storici di maggior successo degli ultimi anni, con oltre 200.000 copie..
VEDI DETTAGLI

Democrazia tradita

Gore Vidal

Traduzioni di Marina Astrologo, Giuseppina Oneto e Stefano Tummolini Dopo La fine della libertà (2001) e Le menzogne dell’impero (2002), bestseller tradotti in venti paesi, un nuovo contributo di Vidal alla riflessione politica interna ed esterna agli USA. In prima edizione..
VEDI DETTAGLI

La fine della libertà

Gore Vidal

Traduzione di Laura Pugno Ne L’età dell’oro (Fazi 2001), ultimo dei sette romanzi in cui ricostruisce criticamente la storia degli Stati Uniti, Vidal afferma che l’attacco “a sorpresa” su Pearl Harbor non era in realtà tale: Roosevelt infatti ne era a conoscenza in..
VEDI DETTAGLI

Il canarino e la miniera

Gore Vidal

Traduzione di Stefano Tummolini Postfazione di Claudio Magris «“La vita”, scrive Gore Vidal condensando fulmineamente in mezza riga il senso dell’Educazione sentimentale di Flaubert, “non è altro che deriva”. Anche i cinquant’anni in cui spaziano..
VEDI DETTAGLI
Palinsesto

Palinsesto

Gore Vidal

Traduzione di Maurizio Bartocci In Palinsesto Gore Vidal racconta la sua vita di scrittore controcorrente nella usuale prospettiva di coscienza critica dell’impero americano. Dall’adolescenza a Washington quale nipote del senatore T.P. Gore all’apprendistato letterario e..
VEDI DETTAGLI