Miguel de Unamuno

Nebbia

COD: 489d0396e682 Categorie: , , Tag:

Traduzione di Stefano Tummolini

Un grande classico della letteratura del Novecento, il primo esempio del genere letterario della nivola, un prezioso recupero da riscoprire.
Augusto Pérez, flâneur amante degli scacchi, conduce la sua esistenza dolcemente oziosa immerso nella vibrante atmosfera delle sue fantasticherie in cerca di qualcosa che possa scuoterlo dall’apatia in cui la morte della madre lo ha lasciato. Sono gli occhi di una delicata pianista, Eugenia, a destarlo dal sopore di una vita di contemplazione.
Augusto decide finalmente di agire, di “vivere” e di conquistare la ragazza per dissolvere la nebbia che lo avvolge, scontrandosi, però, con il fatuo destino dell’uomo: «Noi uomini non siamo soggetti né alle grandi gioie né ai grandi dolori, perché queste gioie e questi dolori ci giungono avvolti in un’immensa nebbia di piccoli eventi. E la vita non è altro che questa nebbia».
Ma il sognatore Augusto, a sua volta, non è che il sogno di uno scrittore, Miguel de Unamuno, che si fa personaggio con l’intenzione di mettere fine alla tragicomica esistenza del suo protagonista. In questo modo cade nel suo stesso tranello: non sarà egli stesso il sogno di un Dio che risvegliandosi dissolverà entrambi nel nulla?

Con la sua metafora esistenziale Miguel de Unamuno è il primo interprete del senso di smarrimento che si appresta a contagiare un’Europa che sarà presto ridotta a polveriera e a scenario della prima vera disfatta per l’umanità e le sue ambizioni di progresso.

Protagonista della vita letteraria e civile spagnola, Miguel de Unamuno nacque a Bilbao nel 1864 e morì a Salamanca nel 1936. Fra le sue opere ricordiamo: Vita di Don Chisciotte e Sancho (1905); Del sentimento tragico della vita (1913); Agonia del cristianesimo (1925).

Oltre a Nebbia scrisse i romanzi Pace nella guerra (1897); Abel Sánchez (1917); San Manuel Bueno, martire (1933).

«In Nebbia si respira un’aria di “tetra buffoneria”: forse proprio perché al centro del libro sta l’Amore. Ed è noto a tutti come i dolori procurati da questa passione siano al contempo i più tremendi e i più fatui; i più violenti e i più ridicoli. Ma l’Amore, allo stesso tempo, svolge qui anche un’altra importantissima funzione: la sua natura intrinsecamente equivoca e fantasmatica è infatti la migliore controprova della “nebbia” in cui è immersa l’esistenza di ogni uomo. L’Amore, insomma, è la quintessenza di quel sogno incompiuto e ininterrotto in cui navighiamo dipanando la matassa del nostro destino diretti verso un nulla che mai raggiungeremo, perché non è mai stato; un sogno dove sognati e sognatori mutano continuamente posizione e ruolo, tanto da rendere inafferrabili i contorni del sogno stesso. E dunque ontologicamente incerta la personalità di chi ha sognato: sia esso il protagonista del romanzo, o addirittura il narratore che l’ha creato».
Franco Marcoaldi

NEBBIA – RECENSIONI

 

LA NAZIONE – RESTO DEL CARLINO – GIORNO
– 01/03/2015

 

Nebbia, l’amore secondo de Unamuno. Il ritorno di un grande classico del 900

 

 

 

Andrea Cescon, RIVISTA SENZAUDIO
– 26/02/2015

 

Nebbia di Miguel de Unamuno

 

 

 

Giuseppe Conte, IL GIORNALE CONTROCULTURA
– 15/02/2015

 

Un personaggio in cerca di de Unamuno

 

 

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
Nebbia
Collana:
Numero Collana:
247
Pagine:
200 ca.
Codice isbn:
9788876256936
Prezzo in libreria:
€ 17,50
Codice isbn Epub:
9788876252303
Prezzo E-Book:
€ 6.99
Data Pubblicazione:
19-02-2015