Michele Martelli

Quando Dio entra in politica

COD: 7ce3284b743a Categorie: , Tag:

Prefazione di Giulio Giorello

Divorzio, aborto, eutanasia, coppie di fatto, procreazione assistita: temi sensibili, che spesso dividono l’opinione pubblica. Da una parte, i difensori di un’etica laica e della separazione assoluta fra Stato e Chiesa; dall’altra, gli interventi di Benedetto XVI e della Cei di Ruini e Bagnasco volti a ridefinire le scelte morali praticabili per i cattolici. «Non escludere Dio dalla sfera pubblica», «Non commettere i peccati di bioetica», «Ricordati che le coppie di fatto sono fuori dalla legge di Dio» sono solo alcuni dei nuovi comandamenti che sembrano aver soppiantato l’antico decalogo. La Chiesa cattolica torna così alla ribalta nel dibattito pubblico italiano grazie anche al sostegno di politici, giornalisti, opinionisti e intellettuali (teocon, teodem, atei devoti, postsecolari o islamofobi). All’interventismo politico del Vaticano, Michele Martelli, professore di Filosofia morale all’Università di Urbino – preferisce l’idea di una politica razionale, laica, democratica. Tutte le religioni, infatti, hanno piena libertà di espressione e organizzazione nella società civile; ai loro rappresentanti terreni, però, non va riconosciuta la pretesa di occupare lo Stato o di porlo sotto tutela, dettando o orientando l’attività legislativa di partiti, governi e parlamenti.
Criticando le istanze dogmatiche e assolutistiche delle alte gerarchie ecclesiastiche, ma non il cattolicesimo in quanto tale, questo libro individua anche la matrice di un altro cristianesimo: quello delle correnti ereticali ed egualitarie, della Chiesa dei poveri e dei diseredati, delle comunità di base.

«Michele Martelli non risparmia i suoi strali polemici a pretese teoriche e morali avanzate in nome delle più diverse religioni, pur concentrandosi soprattutto su quelle che ci vengono dal cattolicesimo romano. Non possiamo che augurarci che coloro che si sentono colpiti dalla sua vis polemica sappiano rispondergli con altrettanta decisione sul piano dell’argomentazione».
Giulio Giorello

QUANDO DIO ENTRA IN POLITICA – RECENSIONI

 

CULTURALNEWS.IT
– 28/10/2008

 

PUBBLICATO DA FAZI EDITORE L’ULTIMO LIBRO DI MICHELE MARTELLI “‘QUANDO DIO ENTRA IN POLITICA”

 

Culturalnews.it

 

LIBRI: PUBBLICATO DA FAZI EDITORE L'ULTIMO LIBRO DI MICHELE MARTELLI

 

Il dibattito tra fede e scienza, con Benedetto XVI, si è rianimato notevolmente. Dopo essere salito al Soglio di Pietro, il Papa ha riaffermato con forza i principi fondamentali della religione cattolica. Questioni aperte come il divorzio, l’aborto, l’eutanasia, le coppie di fatto e la procreazione assistita, hanno ricominciato a dividere i laici e i cattolici. Il filosofo e saggista Michele Martelli, docente all’Università di Urbino, nel volume «Quando Dio entra in politica», denuncia le pretese dogmatiche della Chiesa mostrando le contraddizioni nascoste nei cosiddetti ‘valori assolutì che essa difende. Martelli segnala che, nel corso degli ultimi anni, si è formato un ‘nuovo partito di Diò. Un partito, guidato dal Cardinale Ruini e dal Cardinale Bagnasco, e sostenuto da un gruppo ben ramificato di giornalisti, politici e intellettuali. Uomini di primo piano, tra i quali spiccano i Teocon e i Teodem, ostili alla moderna civiltà illuministica, scientifica e razionale. In questa cornice si inseriscono le prese di posizione di Benedetto XVI che ha stabilito le regole alle quali i cristiani devono attenersi. «Dalle riflessioni dagli scritti e dalle scelte del Papa -sottolinea l’autore del saggio- dagli orientamenti prevalenti dei vertici cattolici odierni, possiamo ricavare un nuovo decalogo politico-religioso. Si tratta di imperativi radicati in parte nella storia passata della Chiesa/Stato pontificio, finalizzati alla controffensiva clericale contro la modernità e al reingresso della religione nella politica». Michele Martelli non si limita a criticare la strategia politica messa in atto dalle gerarchie vaticane. Propone anche una lunga ed articolata ricostruzione degli errori più evidenti commessi dalla Chiesa durante la sua storia. Si passa dalle Crociate alle guerre sante, dalle stragi compiute dai cristiani al caso di Galileo. Un quadro generale nel quale non viene criticato il cattolicesimo nelle sue caratteristiche più profonde ma la pretesa manifestata dalle autorità d’Oltre Tevere di «occupare lo Stato».

 

Robo , QUEERBLOG.IT
– 08/10/2008

 

Quando Dio entra in politica: intervista a Michele Martelli

 
Ponendo in forma interrogativa il titolo del suo libro, che succede
quando Dio entra in politica?

Ieri: crociate, guerre sante, stermini
e persecuzioni di eretici e dissidenti. Oggi: opposizione ai nuovi diritti
civili (divorzio, aborto, eutanasia, coppie di fatto, procreazione assistita),
e, nel caso del terrorismo islamico, ritorno al jihad.
Nel nuovo decalogo ratzingeriano (o ruiniano o bagnaschesco) troviamo
anche che le coppie di fatto sono fuori dalla legge di Dio. Secondo lei,
perché?

Perché per i dogmi cattolici, stabiliti dalle gerarchie
clericali, la sessualità è consacrata dal matrimonio indissolubile e finalizzata
alla procreazione; perciò è etero – e non omo – sessuale; al di fuori di tali
norme, è peccato. In realtà le coppie di fatto, rifiutando il matrimonio e
l’obbligo della procreazione, e vivendo liberamente e spesso felicemente la loro
sessualità, non si pongono fuori dalla presunta legge di Dio, di cui nulla
sappiamo, bensì fuori dal controllo oppressivo e sessuofobico delle
gerarchie.
Spesso noi gay siamo accusati di vittimismo e di starci sempre a
lamentare delle ingerenze della chiesa cattolica: lei che ne
pensa?

Gay e lesbiche sono vittime storiche della prepotenza
clericale e dell’oscurantismo cattolico in fatto di sessualità. Il pensiero
unico non ama il molteplice, il diverso. Se ne ha i mezzi, lo schiaccia.
E a chi dice che, in fin dei conti, papa e vescovi (ma anche
rappresentanti di altre religioni) si rivolgono ai loro fedeli, che
risponde?

Papi e vescovi si rivolgono (il che non vale per tutte le
religioni) non soltanto ai fedeli, ma all’umanità intera; con Cristo, Dio è
entrato nella storia per salvarci tutti: perciò tutti siamo sotto la sua
giurisdizione; niente e nessuno può sfuggire al suo potere, cioè al potere del
suo vicario e della sua Chiesa, che è dunque un potere totalitario. Da ciò il
precetto ratzingeriano di “non escludere Dio dalla sfera politica”. Magari la
Chiesa si rivolgesse solo ai fedeli! Il fatto è che vuole imporre anche a chi
non crede comportamenti e scelte di vita di chi crede.

 

CARTA
– 25/09/2008

 

Michele Martelli

 

 

 

Giulio Giorello, CORRIERE DELLA SERA
– 06/09/2008

 

Se anche Dio entra in politica

 

 

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
Quando Dio entra in politica
Collana:
Numero Collana:
177
Pagine:
225
Codice isbn:
9788881129539
Prezzo in libreria:
€ 16,00
Codice isbn Epub:
9788876255106
Prezzo E-Book:
€ 6.99
Data Pubblicazione:
05-09-2008

Libri dello stesso autore

Italy, Vatican State

Michele Martelli

Prefazione di Ferruccio Pinotti Nell’attuale disputa sulla questione morale che vede i detentori di verità assolute asserviti alla Ragion di Stato (vaticana), il libro denuncia la millenaria ambiguità della Chiesa di Roma, fautrice di una morale a corrente alternata,..
VEDI DETTAGLI