Hubert Selby Jr.


Hubert Selby Jr. cresce in una famiglia della buona borghesia di New York. All'età di quindici anni lascia la scuola e nel 1944 entra nella marina mercantile americana in Germania. In quell'ultimo anno di guerra, Selby Jr. contrae la tubercolosi. In seguito a un'operazione molto invasiva non si riprenderà mai completamente. Nel lungo periodo di ricovero in ospedale, in cui diventa dipendente da morfina (tanto che nel 1967 sarà costretto a disintossicarsi dopo un arresto per detenzione di eroina), inizia a scrivere le sue prime storie. Ultima fermata a Brooklyn è il romanzo che lo ha consegnato alla notorietà. Pubblicato nel 1964, sconvolse il panorama letterario dell'epoca per l'aspra violenza dei temi e per lo sperimentalismo stilistico: sei storie di solitudine ed emarginazione raccontate con straordinaria crudezza e legate insieme dal medesimo sfondo: Brooklyn, notturna o terribilmente assolata. Ultima fermata a Brooklyn divenne ben presto oggetto di culto per importanti esponenti della beat generation, da Allen Ginsberg a cantanti come Lou Reed. Da allora Hubert Selby Jr. è stato considerato un grande della letteratura americana, un poeta maledetto, alla stregua di Burroughs e Bukowski, e in Gran Bretagna, l'uscita del libro fu subito seguita da un processo per oscenità. Requiem per un sogno, il romanzo successivo di Selby Jr. - viaggio allucinato nella New York dei tossicomani, un classico della letteratura statunitense di fine anni Settanta divenne un film per la regia di Darren Aronofsky. Hubert Selby Jr. è morto il 26 aprile 2004, in seguito a una disfunzione polmonare cronica.

Hubert Selby Jr.