Libri E-Book - Fazi Editore

Le ultime confessioni di Sylvia P.

di Lee Kravetz


VEDI DETTAGLI

Il sogno dellʼEuropa nel XXI secolo

di Geert Mak


VEDI DETTAGLI

Dizionario politico minimo

di Luciano Canfora


VEDI DETTAGLI

Spietate promesse

di Rebecca Ross


VEDI DETTAGLI

SEGUICI SUI SOCIAL

  Facebook

Fazi Editore
Fazi Editore1 day ago
È da oggi in libreria «Virgil Wander» di Leif Enger, nella traduzione di Stefano Tummolini.

Virgil Wander è un impiegato comunale nonché il proprietario dell’unica sala cinematografica di Greenstone, una cittadina del Midwest sulla quale da tempo aleggia un’aura di sfortuna. Mentre l’uomo sta viaggiando lungo la costa del Lago Superiore, la sua auto vola fuori strada e finisce in acqua. Quando viene tirato fuori, la sua memoria e il suo vocabolario sono compromessi; risvegliatosi in quella che per lui è una sorta di nuova vita, si ricorda di molte persone, ma non di tutte. Inizia così a rimettere insieme i pezzi, tentando di ricostruire la sua storia personale. Può contare sull’aiuto della gente del posto: Rune, anziano fumatore di pipa giunto in città per indagare sulla misteriosa scomparsa di suo figlio Alec; Bjorn, il figlio di Alec, un adolescente giudizioso e pieno di passioni, che vuole costruirsi una vita propria e smetterla di essere solo “figlio di quell’uomo”; Nadine, la madre, splendida e affascinante vedova, che porta avanti il lavoro del marito mentre è assediata dai pretendenti che respinge; Tom, un giornalista amico di vecchia data, e i vari membri della famiglia Pea, ognuno alle prese con la sua personale tragedia.
Dopo dieci anni di assenza, l’autore di «La pace come un fiume» torna con un nuovo romanzo: un’esilarante miscela di umorismo e inventiva che è anche un viaggio nel cuore disperato dell’America di oggi, un luogo dove i fantasmi appaiono sulle acque del lago, i vecchi fanno volare gli aquiloni contro i fulmini e c’è sempre la possibilità di incontrare Bob Dylan che passeggia su Main Street mentre in città impazza un festival in onore della sfortuna.

«“Virgil Wander” è uno scintillante gioiello sul senso della vita e le seconde possibilità».
«The New York Times Book Review»

«Enger è uno scrittore apprezzato da chiunque abbia a cuore le parole. Questo libro è pieno di piccole gemme».
«The Seattle Times»

«“Virgil Wander” è un romanzo frenetico, divertente e mistico sulla speranza, l’amicizia, l’amore e il rapporto tra una città e la sua gente».
«BookPage»

«La scrittura di Enger mi ha colpito: è così semplice, così vivida e così potente allo stesso tempo, e i suoi personaggi prendono vita in un attimo».
Tana French, «Vulture»
Fazi Editore
Fazi Editore1 day ago
Solo per oggi trovate in promozione a 2,99€, sul nostro sito e su tutti gli store online, l'edizione eBook di «Il sogno» di Franck Thilliez, un romanzo a matrioska zeppo di colpi di scena che fonde thriller, pulp e suspense psicologica: un labirinto ipnotico e perfetto in cui perdersi, per sbucare in un finale che riannoda tutti i fili.

https://www.amazon.it/sogno-Franck-Thilliez-ebook/dp/B089T7SNZ2
Fazi Editore
Fazi Editore2 days ago
«Libertà significa sapere cos’è necessario e che non c’è bene più prezioso della vita. Quando hai capito questo, hai capito tutto».

«La grande fortuna» / Olivia Manning
Fazi Editore
Fazi Editore3 days ago
When this happens, it's usually because the owner only shared it with a small group of people, changed who can see it or it's been deleted.
Fazi Editore
Fazi Editore3 days ago
Tra un mese, il 21 maggio, pubblicheremo «Le ultime confessioni di Sylvia P.» di Lee Kravetz, un accattivante mistery letterario in cui realtà e finzione si fondono per ridare vita a una scrittrice venerata. Dai retroscena sulla nascita della «Campana di vetro» alla rivalità con Anne Sexton, dalla depressione alla vita matrimoniale con Ted Hughes, l’esistenza di Sylvia Plath viene riscritta attraverso tre narrazioni che, intrecciate con sapienza, compongono un romanzo audace e avvincente.
Fazi Editore
Fazi Editore4 days ago
«Mia nonna si può definire con tre concetti principali: tecnologia zero, viva padre Pio, mangia che sei sciupato. Ma la parola che meglio la descrive è una sola: amore.
Lei è l’unica persona che ho al mondo e che si è occupata di me da quando i miei genitori sono spariti nel nulla. Mi ha cresciuto e soprattutto nutrito fino al giorno in cui sono diventato vegano, poi sono iniziati i guai seri.Ormai a tavola con lei è una battaglia continua, senza esclusione di colpi.
«Nonna, non mangio il brodo, perché dentro c’è il dado di carne».
«Sì, ma tanto si è sciolto».
Da quando ho fatto la scelta etica di non mangiare più carne né pesce, né derivati animali come latte, latticini, uova e miele, la sua domanda è sempre la stessa:
«Te le sei fatte le analisi?».

«Io non uccido» / Manuel Negro

  Instagram

  Twitter