Peter Manseau


Figlio di una monaca e di un prete che hanno abbandonato i voti – storia che narrerà nell’esilarante autobiografia Vows: the Story of a Priest, a Nun and Their Son (2005) – , ha lavorato presso il National Yiddish Book Center, dove contribuiva a restaurare antichi testi yiddish. Ha curato, insieme a Jeff Sharlet, la “Bibbia per eretici” Killing The Buddha (2004) e ha scritto un saggio sulle follie e le superstizioni legate al culto dei morti – Rag and Bone: Journey among the World’s Holy Dead (2009). Ballata per la figlia del macellaio è stato finalista al John Sargent First Novel Prize 2008 e ha vinto il National Jewish Book Award 2008, il Sophie Brody Medal for outstanding achievement in Jewish literature 2009 e l’Harold U. Ribalow Prize 2009. Peter Manseau insegna scrittura creativa alla Georgetown University. Vive con la moglie e le due figlie a Washington, D.C.

Peter Manseau