Karim Miské

Arab Jazz

COD: 5caf41d62364 Categorie: , ,

Traduzione di Maurizio Ferrara

Studioso del mondo arabo, dell’Islam e del mondo africano, Miskè affronta qui il tema del fondamentalismo religioso in un’ottica nuova, mostrando come anche i gruppi religiosi più ostili riescano a dialogare tra loro se gli obiettivi sono il denaro e il potere.

Parigi, 19° arrondissement, un ambiente cosmopolita, vivace e creativo. Ahmed Taroudant, affetto da una depressione cronica, vive grazie ai sussidi sociali. Trascorre le giornate leggendo e ascoltando musica jazz. La sua esistenza si svolge all’interno di un quadrato di strade ben definito, i cui punti di riferimento sono la bottega di Sam il barbiere, la libreria di Monsieur Paul ed il suo stesso appartamento. Il giorno in cui la giovane vicina di casa viene trovata morta, vittima di un omicidio particolarmente efferato, Ahmed è l’indiziato perfetto anche se i due poliziotti che seguono il caso non credono a una pista tanto scontata. La soluzione del crimine si nasconde invece nelle maglie del traffico di una nuova droga chimica i cui artefici appartengono a differenti e oltranzisti credi religiosi.

Karim Miskè è nato nel 1964 ad Abidjan da padre mauritano e madre francese. Cresciuto a Parigi, si è trasferito a Dakar per gli studi in giornalismo. È da più di vent’anni regista di documentari che vengno trasmessi su Arte, France 2 e Canal+. A partire dal 2010 pubblica numerosi articoli sul tema del razzismo e tiene un blog sul sito de «les inrockuptibles». Arab Jazz è il suo primo romanzo. Nel 2012 ha vinto il Grand prix de littérature policière.

«Karim Miské, nuovo arrivato del noir francese, si distacca in maniera singolare dalla produzione francese. Un romanzo brillante e promettente».
Le Monde

«Un ingresso notevole nel genere del poliziesco. Due poliziotti che potrebbero essere frutto della penna di Fred Vargas, non ci si annoia mai: è nato uno scrittore ed è una buona notizia, non appena imparerà a correre, sarà difficile da riacciuffare». 
l’Express

«Impossibile lasciarsi sfuggire questo poliziesco drammaticamente attuale sulla convivenza tra i nuovi fondamentalisti islamici ed ebrei».
Le Point

«Karim Miské sa descrivere un universo, creare un ambientazione e mettere in scena un primo romanzo noir sulla manipolazione dei poteri (siano essi politici o religiosi) con una dose opportuna di sensualità che non guasta affatto».
Lire

«Il thriller made in france che oggi fa.. jazzare».
Figaro magazine

ARAB JAZZ – RECENSIONI

 

INTERNAZIONALE
– 10/01/2014

 

Arab Jazz

 

 

 

TTL LA STAMPA
– 21/06/2013

 

Una mano disumana nella Parigi multietnica

 

 

 

D LA REPUBBLICA
– 08/06/2013

 

La Banlieue brucia

 

 

 

GAZZETTA DI PARMA

 

Sangue e misteri, Parigi multietnica in Arab Jazz

 

 

 

CORRIERE IMMIGRAZIONE

 

Banlleu noir

 

 

 

GIORNALE DI BRESCIA
– 14/07/2013

 

Arab Jazz

 

 

 

LA STAMPA
– 29/04/2014

 

Ma a Parigi i giovani non capiscono più la Ue

 

 

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
Arab Jazz
Pagine:
320
Codice isbn:
9788864118796
Prezzo in libreria:
€ 16,00
Codice isbn Epub:
9788876252457
Prezzo E-Book:
€ 11.99
Data Pubblicazione:
30-05-2013

Libri dello stesso autore

appartenersi

Appartenersi

Karim Miské

Traduzione di Maurizio Ferrara Appartenersi narra una storia universale e, oggi più che mai, necessaria. È il grido liberatorio dell’autore, Karim Miské: nato da padre mauritano, diplomatico e musulmano, e da madre francese, assistente sociale, professoressa, atea e..
VEDI DETTAGLI