Gianni Vattimo - Michel Onfray - Paolo Flores D'Arcais

Atei o credenti?

COD: df7f28ac89ca Categorie: , , Tag:

Filosofia, politica, etica, scienza

Fra distanze incolmabili e impreviste affinità, senza preoccupazioni di correttezza politica, finalmente un incontro-scontro a tutto campo fra chi crede e chi no.

I temi della fede e della religione, e del loro conflitto con la cultura laica, sono al centro di un interesse tuttora crescente, alimentato dalle polemiche sugli interventi e le “scomuniche” del papa e della CEI. Mancava però un testo che discutesse, da punti di vista diversi, le ragioni dell’ateismo e della fede.
Ora, in Atei o credenti?, si confrontano gli esponenti di posizioni diverse tra loro, accomunate però dal rifiuto di ogni appartenenza accademica: il “cristianesimo nietzscheano” di Gianni Vattimo, l’edonismo ateo di Michel Onfray e l’empirismo materialistico-esistenziale di Paolo Flores D’Arcais. Nel libro – che riproduce, con successive rielaborazioni, un incontro privato avvenuto a Torino ed è completato da tre poscritti – gli autori rispondono agli interrogativi essenziali legati al problema l’“ipotesi Dio” deve essere considerata superflua nella riflessione filosofica e nell’esperienza vitale? Quali sono le conseguenze etiche e politiche dell’essere atei o invece credenti? Quale la posizione da tenere nei confronti del “successo” delle scienze? Quale il giusto ruolo delle dottrine religiose nell’istruzione pubblica? Su questi e altri temi – ad esempio la possibilità di un islam moderato, cui è dedicato un controverso capitolo – Vattimo, Onfray e Flores D’Arcais danno vita a un’appassionata disputa, fra consonanze impreviste e opposizioni durissime. Una lettura di grande coinvolgimento, che assomiglia a un ascolto dal vivo e mette in questione i nostri più profondi atteggiamenti e convinzioni.

ATEI O CREDENTI? – RECENSIONI

 

Paolo Bonetti, NUOVA ANTOLOGIA
– 01/03/2008

 

Religione e disincanto

 

 

 

Antonio Carioti, CORRIERE DELLA SERA
– 18/02/2008

 

Tutti tifosi di Feyerabend

 

 

 

Andrea Inglese, IL MANIFESTO
– 14/02/2008

 

Al di fuori della “funzione dio”

 

 

 

RESET
– 01/02/2008

 

Una metafisica al contrario

 

 

 

TTL – LA STAMPA
– 26/01/2008

 

All’anima!

 

 

 

Roberta De Monticelli, LA REPUBBLICA
– 18/01/2008

 

Il Papa, i suoi critici e la ragion cieca

 

 

 

Michel Onfray, LIBERAZIONE
– 18/01/2008

 

Ratzinger è un politico temibile

 

 

 

CORRIERE DEL GIORNO
– 11/01/2008

 

Dibattito sul rapporto tra scienza e fede

 

 

 

Roberto Ciccarelli, IL MANIFESTO
– 27/12/2007

 

Un’ateologia fondata sull’eclissi della ragione

 

 

 

ADNKRONOS
– 29/12/2007

 

IL RAPPORTO TRA SCIENZA E FEDE

 

Adnkronos.com

 

Roma, 29 dic. – (Adnkronos/Adnkronos Cultura) – Un contraddittorio a tutto tondo sui temi della laicita’ e della religione. Un contraddittorio aperto, libero da pregiudizi, sul rapporto tra laici e cattolici. Punti di vista opposti e tesi diverse che si misurano sul terreno della dialettica. Punti di vista esposti da intellettuali e filosofi del rango di Gianni Vattimo, Paolo Flores d’Arcais e Michel Onfray. E’ questo il contenuto del saggio ”Atei o credenti? Filosofia, politica, etica, scienza”, pubblicato dalla casa editrice Fazi.

Le ragioni dell’ateismo e della fede. Il rapporto, spesso conflittuale, tra la ricerca scientifica e le ragioni dell’etica cristiana. E’ su queste basi che i tre studiosi hanno discusso nel dicembre del 2006 a casa di Gianni Vattimo a Torino. ”Si e’ trattato – si legge all’inizio del volume – di un confronto sempre cordiale ma non privo di durezze, per dir cosi’, e lontano da preoccupazioni di ‘correttezza politica’. Vattimo, l’unico credente, ha dovuto difendersi su due fronti, m in piu’ di un caso, ha ottenuto l’insperata alleanza di Onfray”. Paolo Flores d’Arcais e Michel Onfray hanno elaborato le loro idee a partire dalle posizioni laiche. Vattimo, invece, l’unico credente, ha replicato fondando le sue proposizioni sul mistero della fede.

Una fede vissuta, soprattutto, ”sul cristianesimo nietzscheano”. Sono tanti i dubbi che prendono forma nel corso del lungo colloquio tra i tre esperti. Come si devono configurare, ad esempio, i rapporti tra filosofia e ateismo? Quali sono le conseguenze etiche e politiche dell’ateismo o, all’opposto, della fede?

La disputa verte anche sulle contraddizioni della religione e sugli elementi deboli della razionalita’. Elementi che aprono la strada a domande relative alle conseguenze politiche e sociali del laicismo. Il testo, peraltro, e’ seguito dai ”proscritti ciechi”. Si tratta delle considerazioni finali che ciascun autore ha redatto senza conoscere il contenuto degli altri contributi. Considerazioni nelle quali gli autori si interrogano, ancora una volta, sulle tante ‘ipotesi su Dio’ e sull’utilita’ della filosofia e della scienza.

 

 

LA PADANIA
– 20/12/2007

 

Il vostro Natale tutto da sfogliare

 

 

 

Antonio Saccà, SECOLO
– 20/12/2007

 

Metafisica delle scimmie

 

 

 

Tonino Bucci, LIBERAZIONE
– 15/12/2007

 

Credenti o atei, di chi è la ragione?

 

 

 

M.P., IL VENERDÌ DI REPUBBLICA
– 14/12/2007

 

E intanto Onfray riscopre i nichilisti

 

 

 

Umberto Galimberti, LA REPUBBLICA
– 11/12/2007

 

Se Dio diventa soltanto storia

 

 

 

E.V., PANORAMA
– 29/11/2007

 

Il divorzio di Vattimo

 

 

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
Atei o credenti?
Collana:
Numero Collana:
169
Pagine:
173
Codice isbn:
9788881128846
Prezzo in libreria:
€ 15,00
Data Pubblicazione:
16-11-2007

Libri dello stesso autore

Ecce comu

Gianni Vattimo

Si può diventare comunisti dopo il 1989? Esserlo già stati è un altro conto: ma diventarlo (o ri-diventarlo)? Per Vattimo è possibile e doveroso visto che nessuna terza o quarta via, accettando di fatto il sempre più rigido elitarismo del capitale, è in grado di invertire l'odierna deriva..
VEDI DETTAGLI