Guillermo Arriaga

Retorno 201

COD: 4558dbb6f6f8 Categoria: Tag:

Collana:
Numero collana:
133
Pagine:
177
Codice ISBN:
9788881128891
Prezzo cartaceo:
€ 16,50
Data pubblicazione:
22-11-2007

Introduzione di Pino Cacucci
Traduzione di Stefano Tummolini

«Sono storie intense quelle di Arriaga e, per quanto la violenza le attraversi lasciando solchi e lacerazioni, è sempre la dignità e la solidarietà tra gli umili a vincere sul cinismo».
dall’introduzione di Pino Cacucci

Città del Messico, anni Novanta. Scendendo in calle Ritorno 201 c’è un universo sconfitto e brulicante, solidale e febbrile, dove la speranza sembra l’ultima delle possibilità umane: qui Guillermo Arriaga ha trascorso gran parte della sua giovinezza e qui ha perso l’olfatto durante una rissa callejera. E il filo rosso che unisce queste quattordici storie è proprio la strada, a cui sono visceralmente legati tutti i personaggi di questi racconti: dall’anonimo narratore cieco di Nell’oscurità, innamorato della moglie anche se la sera lei torna a casa con addosso l’odore di altri uomini, al grande uomo solitario, protagonista di New Orleans, mal visto dai vicini, pronti a cacciarlo via perché di notte non tiene a freno le urla e di giorno cammina per la strada marcio di whisky; dal dottor Del Rio, medico scorretto e privo di etica che ritorna in vari racconti, all’adolescente dalle passioni incontenibili di In pace, intrappolato nell’amore: per la madre, per il padre e per due ragazze bellissime.
Ritrovandovi molti dei contrasti e dei colori di Amores perros – il film che ha portato il talento dello sceneggiatore messicano al successo internazionale – il lettore verrà ancora una volta ipnotizzato dal mondo primitivo e pulsante di Retorno 201: un mondo sommerso cui Arriaga non smette di dar voce.

«Guillermo Arriaga è un cacciatore di storie che si avvicina senza protezione alla linea che divide la vita e la morte».
La Jornada

«Retorno 201 è un libro pieno di storie d’amore che non funzionano, storie d’amore che starebbero bene nel mondo di Barry Gifford e di una violenza che avvicina Guillermo Arriaga a Claude Chabrol».
ABC

RETORNO 201 – RECENSIONI

 

Liana Messina, D DI REPUBBLICA
– 15/11/2008

 

Alla guerra del fuoco

 

 

 

Federica Lamberti Zanardi, IL VENERDÌ DI REPUBBLICA
– 07/11/2008

 

Guillermo Arriaga

 

 

 

Alessandra Mammì, L’ESPRESSO
– 06/11/2008

 

La prima volta di Arriaga

 

 

 

Andrea Morandi, ROCKSTAR
– 01/02/2008

 

Retorno 201

 

 

 

TRENTINO
– 22/01/2008

 

Messico e morte

 

 

 

IL TIRRENO
– 19/01/2008

 

Racconti messicani d’amore e di morte

 

 

 

Giulia Franchi, IL VENERDÌ DI REPUBBLICA
– 18/01/2008

 

I ragazzi di strada di Arriaga

 

 

 

Ugo Perolino, IL CENTRO
– 20/12/2007

 

Le strenne 2007 senza frivolezze

 

 

 

Angelo Sica, FLAIR
– 01/12/2007

 

Il caccia-storie

 

 

 

Alessandro Besselva Averame, MUCCHIO
– 01/12/2007

 

Storie

 

 

 

DIVA E DONNA
– 08/01/2008

 

Libri

 

 

 

Gianluca Biscalchin, TRIBE
– 01/12/2007

 

Libri

 

 

 

Marta Topis, URBAN
– 01/12/2007

 

Col Messico nelle vene

 

 

 

Marco Lodoli, LA REPUBBLICA
– 08/12/2007

 

I racconti giovanili di Guillermo Arriaga

 

 

 

LA NUOVA FERRARA
– 03/12/2007

 

“Retorno 201” – Storie messicane

 

 

 

Guillermo Arriaga, LA REPUBBLICA
– 18/11/2007

 

Storia di un fratello e una sorella dal viso cancellato

 

 

Libri dello stesso autore

il bufalo della notte

Il bufalo della notte

Guillermo Arriaga

Traduzione di Stefano Tummolini In una Città del Messico affascinante e oscura, le vite di tre amici si intrecciano in maniera inestricabile sullo sfondo urbano della metropoli. Gregorio, che soffre di schizofrenia e a ventidue anni si uccide con un colpo di pistola; il suo migliore amico Manuel,...
VEDI DETTAGLI

Pancho Villa e lo squadrone ghigliottina

Guillermo Arriaga

Traduzione di Stefano Tummolini Con grande passione e ironia Arriaga narra le gesta di questo "eroe per caso" - diviso tra i suoi ideali e le tentazioni della sirena della Storia - in una divertente e originale storia alternativa della rivoluzione messicana, con un'indimenticabile...
VEDI DETTAGLI

Un dolce odore di morte

Guillermo Arriaga

Traduzione di Stefano Tummolini Il dolce odore di morte che si diffonde per le strade di un paesino messicano è quello del corpo di Adela, ragazzina bella, povera, figlia di contadini appena arrivati nel villaggio dove nessuno la conosce, trovata una mattina sul greto del fiume. Nuda. Con un...
VEDI DETTAGLI

Privacy Policy   •   Cookie Policy   •   Web Design by Liquid Factory