Guillermo Arriaga

Retorno 201

COD: 4558dbb6f6f8 Categoria: Tag:

Introduzione di Pino Cacucci
Traduzione di Stefano Tummolini

«Sono storie intense quelle di Arriaga e, per quanto la violenza le attraversi lasciando solchi e lacerazioni, è sempre la dignità e la solidarietà tra gli umili a vincere sul cinismo».
dall’introduzione di Pino Cacucci

Città del Messico, anni Novanta. Scendendo in calle Ritorno 201 c’è un universo sconfitto e brulicante, solidale e febbrile, dove la speranza sembra l’ultima delle possibilità umane: qui Guillermo Arriaga ha trascorso gran parte della sua giovinezza e qui ha perso l’olfatto durante una rissa callejera. E il filo rosso che unisce queste quattordici storie è proprio la strada, a cui sono visceralmente legati tutti i personaggi di questi racconti: dall’anonimo narratore cieco di Nell’oscurità, innamorato della moglie anche se la sera lei torna a casa con addosso l’odore di altri uomini, al grande uomo solitario, protagonista di New Orleans, mal visto dai vicini, pronti a cacciarlo via perché di notte non tiene a freno le urla e di giorno cammina per la strada marcio di whisky; dal dottor Del Rio, medico scorretto e privo di etica che ritorna in vari racconti, all’adolescente dalle passioni incontenibili di In pace, intrappolato nell’amore: per la madre, per il padre e per due ragazze bellissime.
Ritrovandovi molti dei contrasti e dei colori di Amores perros – il film che ha portato il talento dello sceneggiatore messicano al successo internazionale – il lettore verrà ancora una volta ipnotizzato dal mondo primitivo e pulsante di Retorno 201: un mondo sommerso cui Arriaga non smette di dar voce.

«Guillermo Arriaga è un cacciatore di storie che si avvicina senza protezione alla linea che divide la vita e la morte».
La Jornada

«Retorno 201 è un libro pieno di storie d’amore che non funzionano, storie d’amore che starebbero bene nel mondo di Barry Gifford e di una violenza che avvicina Guillermo Arriaga a Claude Chabrol».
ABC

RETORNO 201 – RECENSIONI

 

Liana Messina, D DI REPUBBLICA
– 15/11/2008

 

Alla guerra del fuoco

 

 

 

Federica Lamberti Zanardi, IL VENERDÌ DI REPUBBLICA
– 07/11/2008

 

Guillermo Arriaga

 

 

 

Alessandra Mammì, L’ESPRESSO
– 06/11/2008

 

La prima volta di Arriaga

 

 

 

Andrea Morandi, ROCKSTAR
– 01/02/2008

 

Retorno 201

 

 

 

TRENTINO
– 22/01/2008

 

Messico e morte

 

 

 

IL TIRRENO
– 19/01/2008

 

Racconti messicani d’amore e di morte

 

 

 

Giulia Franchi, IL VENERDÌ DI REPUBBLICA
– 18/01/2008

 

I ragazzi di strada di Arriaga

 

 

 

Ugo Perolino, IL CENTRO
– 20/12/2007

 

Le strenne 2007 senza frivolezze

 

 

 

Angelo Sica, FLAIR
– 01/12/2007

 

Il caccia-storie

 

 

 

Alessandro Besselva Averame, MUCCHIO
– 01/12/2007

 

Storie

 

 

 

DIVA E DONNA
– 08/01/2008

 

Libri

 

 

 

Gianluca Biscalchin, TRIBE
– 01/12/2007

 

Libri

 

 

 

Marta Topis, URBAN
– 01/12/2007

 

Col Messico nelle vene

 

 

 

Marco Lodoli, LA REPUBBLICA
– 08/12/2007

 

I racconti giovanili di Guillermo Arriaga

 

 

 

LA NUOVA FERRARA
– 03/12/2007

 

“Retorno 201” – Storie messicane

 

 

 

Guillermo Arriaga, LA REPUBBLICA
– 18/11/2007

 

Storia di un fratello e una sorella dal viso cancellato

 

 

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
Retorno 201
Collana:
Numero Collana:
133
Pagine:
177
Codice isbn:
9788881128891
Prezzo in libreria:
€ 16,50
Data Pubblicazione:
22-11-2007

Libri dello stesso autore

il bufalo della notte

Il bufalo della notte

Guillermo Arriaga

Traduzione di Stefano Tummolini In una Città del Messico affascinante e oscura, le vite di tre amici si intrecciano in maniera inestricabile sullo sfondo urbano della metropoli. Gregorio, che soffre di schizofrenia e a ventidue anni si uccide con un colpo di pistola; il suo..
VEDI DETTAGLI

Un dolce odore di morte

Guillermo Arriaga

Traduzione di Stefano Tummolini Il dolce odore di morte che si diffonde per le strade di un paesino messicano è quello del corpo di Adela, ragazzina bella, povera, figlia di contadini appena arrivati nel villaggio dove nessuno la conosce, trovata una mattina sul greto del..
VEDI DETTAGLI