Michel de Montaigne

Sopravvivi all’amore

A cura di Federico Ferraguto

Leggere Montaigne è come vedersi riflessi in uno specchio attraverso le parole di un amico. E a un dialogo con un amico saggio e stravagante assomiglia la lettura di questa selezione dei Saggi.

In Sopravvivi all’amore lo sguardo è rivolto all’intimità del soggetto, caratterizzato da sentimenti come tristezza, vanità, malinconia e collera: stati dell’animo che non sono semplicemente la cifra della fragilità dell’individuo, ma i presupposti per la sua apertura a nuove prospettive esistenziali e della tendenza a superare continuamente se stessi. Così, se l’amore è espressione della ricerca di una pienezza e strumento per definire in maniera stabile l’identità personale, sopravvivere all’amore significa mantenere vitale la tensione dell’esistenza rendendosi consapevoli del fatto che la vita è continua ricerca e costante rinnovamento.

La malinconia e la tristezza, in particolare, vengono visti da Montaigne come strumenti fondamentali per prendere le distanze dalla realtà, guardarla lucidamente e ricondurre a se stessi ogni tentativo di modificarla. Ma ciò non ci permette mai di superare la vanità, condizione fondamentale dell’essere umano, che tende a compiacersi più delle cose altrui che delle proprie e ad amare l’agitazione e il cambiamento. Questa radicale e strutturale incostanza mostra quanto non siamo mai in noi, ma sempre al di là di noi: qualsiasi cosa ci capiti di conoscere e di godere, sentiamo che non ci soddisfa, e andiamo anelando dietro alle cose future e sconosciute, giacché le presenti non ci saziano.

Sopravvivi all’amore costituisce il terzo volume dei Saggi di Montaigne, dopo Coltiva l’imperfezione e La fame di Venere, in cui ancora una volta emerge il suo stile saggistico, brillante, scorrevole, ricco di riferimenti e capace di rendersi “vicino” al lettore, che non mira alla formazione di un sapere stabile e universale, ma a sperimentare e, appunto, saggiare i più svariati aspetti dell’esistenza individuale.

L’amore mi diede sollievo e mi allontanò dal male causatomi dall’amicizia. È sempre così: un pensiero ossessivo mi occupa la mente e io, più che domarlo, penso sia meglio cambiarlo. In altre parole, se non posso sostituirlo con il suo opposto, lo rimpiazzo con uno diverso. La variazione solleva sempre, dissolve e dissipa. Se non riesco a combattere un certo pensiero, gli sfuggo; sfuggendogli, devio dal percorso stabilito e gioco d’astuzia.

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
Sopravvivi all’amore
Pagine:
262
Codice isbn:
9788893253420
Prezzo in libreria:
€ 14
Codice isbn Epub:
9788893253642
Prezzo E-Book:
€ 7.99
Data Pubblicazione:
05-04-2018

Libri dello stesso autore

la fame di venere

La fame di Venere

Michel de Montaigne

A cura di Federico Ferraguto La fame di Venere è il secondo di sette piccoli volumi in cui la Fazi ripubblicherà, con una nuova traduzione, la raccolta completa dei Saggi di Montaigne. In questo agile volume sono stati raccolti alcuni saggi che il grande filosofo francese..
VEDI DETTAGLI
coltiva imperfezione

Coltiva l’’imperfezione

Michel de Montaigne

A cura di Federico Ferraguto Con questo volume, primo di una serie di sette, si avvia la ripubblicazione integrale dei Saggi di Michel de Montaigne. Questa nuova edizione avrà una nuova traduzione più accessibile e moderna e per la prima volta tutta l'’opera del filosofo e..
VEDI DETTAGLI