Michel de Montaigne

La fame di Venere

Categorie: , ,

A cura di Federico Ferraguto

La fame di Venere è il secondo di sette piccoli volumi in cui la Fazi ripubblicherà, con una nuova traduzione, la raccolta completa dei Saggi di Montaigne. In questo agile volume sono stati raccolti alcuni saggi che il grande filosofo francese scrisse negli ultimi anni della sua vita e in cui si tratta dell’amore, non quello ideale ma quello erotico. È un argomento dal quale Montaigne può prendere le giuste distanze, se non altro perché il suo corpo non riuscirebbe ormai più, come dice lui, a rendere giustizia alle sue voglie.
Nei versi dell’Eneide da cui prende le mosse, Montaigne critica Virgilio per averci presentato una Venere un po’ troppo eccitata per essere la moglie di Vulcano. L’istituto del matrimonio non sembra tollerare gli amplessi estenuanti. Per altro verso, l’attrazione erotica è troppo potente per piegarsi ai vantaggi economici e sociali o ai calcoli razionali tipici del matrimonio. L’amore prevede solo la presenza di due persone che si fondono l’una nell’altra in una osmosi che è essenzialmente fisica. Il matrimonio implica sempre un terzo elemento che unisce gli sposi: l’interesse, la legge, il buon senso e addirittura una persona in grado di combinarlo. Così «applicare al matrimonio gli istinti e le follie della licenza amorosa mi sembra quasi un incesto».
Montaigne identifica dunque l’amore con il sesso e lo caratterizza come un’alleanza tra immaginazione e corpo che torna a tutto vantaggio di quest’ultimo. Secondo Montaigne, l’amore erotico è una passione bassa, passeggera, volubile e contingente. Venere è una dea volubile, incostante e insaziabile. Non si fa problemi ad abbandonare un marito per assaggiare di nuovo l’intensità di un rapporto sessuale. La sua fame non può essere soddisfatta, «sopravvive anche quando si è sazi» e «sconfina di continuo».
Come nel volume precedente, Coltiva l’imperfezione, anche in questo caso abbiamo invertito la collocazione delle citazioni in lingua latina. La traduzione dei passi citati, che nell’edizione originale dei Saggi compare in nota, viene qui riportata nel corpo del testo per permettere al lettore di seguire in maniera più agile il discorso di Montaigne.

Michel de Montaigne nacque nel 1533 a Bordeaux da una famiglia nobile. Educato secondo l’uso dell’umanesimo nel culto della classicità, dopo gli studi esercitò come consigliere presso il Parlamento di Bordeaux, città di cui in seguito divenne sindaco. Visse nel sanguinoso periodo delle guerre di religione e ne rimase così scosso che a trentasette anni decise di abbandonare la vita mondana per ritirarsi nel suo castello a meditare, studiare e comporre i Saggi. Morì nel 1592. A oggi è considerato uno dei pionieri del pensiero moderno.

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
La fame di Venere
Codice isbn:
9788876257636
Prezzo in libreria:
€ 14,50
Codice isbn Epub:
9788876258169
Prezzo E-Book:
€ 5.99
Data Pubblicazione:
14-05-2015

Libri dello stesso autore

scopri il mondo

Scopri il mondo

Michel de Montaigne

A cura di Federico Ferraguto Com’è possibile aprirsi al mondo senza perdere se stessi e, anzi, affermarsi in questa apertura? È questa la domanda che fa da sfondo alla selezione dei Saggi di Montaigne pubblicati in Scopri il mondo. Per rispondere, il filosofo lega l’idea..
VEDI DETTAGLI
sopravvivi all'amore

Sopravvivi all’amore

Michel de Montaigne

A cura di Federico Ferraguto Leggere Montaigne è come vedersi riflessi in uno specchio attraverso le parole di un amico. E a un dialogo con un amico saggio e stravagante assomiglia la lettura di questa selezione dei Saggi. In Sopravvivi all’amore lo sguardo è rivolto..
VEDI DETTAGLI
coltiva l'imperfezione

Coltiva l’imperfezione

Michel de Montaigne

A cura di Federico Ferraguto Con questo volume, primo di una serie di sette, si avvia la ripubblicazione integrale dei Saggi di Michel de Montaigne. Questa nuova edizione avrà una nuova traduzione più accessibile e moderna e per la prima volta tutta l'opera del filosofo e..
VEDI DETTAGLI