Mauro Mazza

Il destino del papa russo

Roma, Città del Vaticano: alla fine di un lungo pontificato, papa Francesco è morto.
Dopo i funerali, trasmessi in diretta in ogni parte del globo, gli occhi del mondo sono ora puntati su San Pietro, dove i cardinali sono chiusi in conclave. La folla si accalca contro le transenne, i furgoni dei network televisivi ingombrano via della Conciliazione, opinionisti ed esperti spiegano regole e procedure, finché davanti alle telecamere non succede qualcosa che non era mai successo prima: dopo l’ennesimo scrutinio, il comignolo della Cappella Sistina rimane quieto. È solo un problema tecnico o c’è qualcosa di più? La risposta arriva la mattina dopo: con l’attesa fumata bianca, il mondo scopre che davvero è accaduto un fatto senza precedenti. Il nuovo papa si chiama Nikolaj Sofanov ed è il primo papa russo della storia, ma soprattutto – ed è questo che fa saltare sulla sedia i vaticanisti – in conclave non c’era. Al momento dell’elezione, addirittura, non era neanche cardinale. Perché proprio lui, allora?, si chiedono alcuni. Perché andare a prenderlo così lontano? C’entra il fatto che sia un amico d’infanzia di Vladimir Putin?
Quello che nessuno sa è che Sofanov custodisce un segreto che gli è stato svelato a Fatima e che, come una stella polare, orienta fin dal primo giorno la sua azione. Quello che vuole è la riunificazione con la Chiesa ortodossa, atto coraggioso ma anche – vista la sua intimità col presidente russo – gravido di implicazioni politiche. È così che, nelle stanze più scure del Vaticano, inizia una partita a scacchi tra il nuovo papa e i suoi avversari, figure misteriose con occhi e orecchie ovunque, decise a impedire l’accordo tra le due Chiese a ogni costo. Con ogni mezzo.
Un conclave dall’esito clamoroso, Putin e la veggente di Fatima, le trame di un’oscura, potentissima massoneria e i tradimenti dei cardinali: in questa storia, ambientata nel prossimo futuro, si mescolano realtà e fantasia, complotti immaginari e guerre in atto, il tutto narrato con una scrittura cinematografica che avvince il lettore fino all’ultima pagina.

Hanno detto de L’albero del mondo, vincitore del premio Acqui Storia 2012:

«Un romanzo che tesse una trama efficace mescolando vero storico e romanzesco verosimile».
«Il sole 24 ore»

«La ricostruzione storica è condotta con sobrietà di toni e un agile piglio narrativo».
«Il mattino»

«Mazza racconta la Storia con grande misura e bravura».
«Il piccolo»

«Un libro strano e bello».
«Il giornale»

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
Il destino del papa russo
Collana:
Numero Collana:
280
Pagine:
256
Codice isbn:
9788876259463
Prezzo in libreria:
€ 16,00
Codice isbn Epub:
9788876259876
Prezzo E-Book:
€ 5.99
Data Pubblicazione:
31-03-2016

Libri dello stesso autore

L’albero del mondo

Mauro Mazza

Nell'ottobre del 1942 il giovane antifascista Giaime Pintor, accompagnato da Elio Vittorini, prese parte a un convegno di scrittori finanziato dal ministro della propaganda hitleriana Joseph Goebbels. Mauro Mazza, intrecciando fiction, filosofia e storia, dà vita a un romanzo che sorprende per..
VEDI DETTAGLI