Victor Serge

Se è mezzanotte nel secolo

COD: 7810ccd41bf2 Categoria: Tag:

Introduzione di Goffredo Fofi
Traduzione di Maurizio Ferrara

Anarchico, bolscevico, trotzkista, perseguitato e costretto alla fuga per tutta la vita, Victor Serge è stato uno dei protagonisti dei movimenti rivoluzionari della prima metà del ’900.
Le sue opere sono dei classici dal respiro universale e di grande attualità nella condanna di ogni forma di tortura, di oppressione e di totalitarismo.

Sono uomini e donne deportati in Siberia i protagonisti del romanzo, e le storie di questi trotzkisti – che si incontrano in uno sperduto villaggio ai confini del mondo, si legano di amicizia, si confrontano, si amano – ci raccontano gli anni strazianti in cui tanti, come Serge, furono imprigionati a causa della loro aperta opposizione al regime staliniano. Sono uno spaccato, a forti tinte autobiografiche, del mondo di brutalità dove Stalin ha già rinnegato gli ideali di una rivoluzione che si è appena messa in moto e l’onesto credo in un mondo migliore dei bolscevichi della prima ora è totalmente tradito dal cinismo e dalla crudeltà degli uomini che tengono le redini del potere.
Pubblicato per la prima volta nel 1940, Se è mezzanotte nel secolo precede di anni le opere di Koestler e Solgenitsyn e offre un ritratto della Russia staliniana come di una macchina atta ad annientare uomini, corpi e anime. In un paese dove gli avversari del regime muoiono nell’anonimato svanendo come se non fossero mai nati, Serge, uno dei primi a far sentire la propria voce, svela con fermezza e coraggio l’uso della tortura fisica e psicologica, restituendo loro un nome e un volto e salvandoli dall’oblio del silenzio.

«Uno dei protagonisti del ventesimo secolo, per spessore etico e qualità letterarie».
Susan Sontag

«Serge fu uno dei padri della riflessione sul totalitarismo. Le sue considerazioni sulla natura del potere totalitario e sul rapporto tra verità e menzogna anticipano, da un lato, le opere di letterati come George Orwell o Czeslaw Milozs, dall’altro le riflessioni di filosofi dissidenti dell’Est europeo come Jan Patočka, Václav Havel e Leszek Kolakowski».
Luca Savarino, La Stampa

«Ma chi è Victor Serge? A pochissimi come a questo irriducibile spetterebbe, senza ironia alcuna, la qualifica di eroe dei nostri tempi».
Giuseppe Montesano, l’Unità

«Le parole di Serge hanno così la forza della grande scrittura (apprezzata da Gide e da Orwell) e lo spessore della diretta testimonianza di verità».
Antonio Calabrò, Il Mondov

Hanno detto de Il caso Tulaev:

«Un bellissimo romanzo».
Paolo Franchi, Corriere della Sera

«Il caso Tulaev è un grande affresco di un’epoca, che da Mosca si dirama verso la Siberia, la Francia, la Spagna, in cui sembra si siano dati convegno Čecov, Gogol, Dostoevskij, Balzac e le avanguardie del ’900».
Fabrizia Ramondino, L’Espresso

«Degna di Balzac, l’opera mette in scena diversi spaccati sociali intrecciando magistralmente riferimenti storici, analisi dei personaggi e descrizione di ambienti».
Paola Decina Lombardi, tuttoLibri de la Stampa

SE È MEZZANOTTE NEL SECOLO – RECENSIONI

 

Diego Gabutti, ITALIA OGGI
– 18/12/2014

 

Sono usciti i diari di Victor Segre

 

 

 

 

La mezzanotte dentro il Gulag

 

 

 

IL FOGLIO
– 09/11/2012

 

Se è mezzanotte nel secolo

 

 

 

TTL LA STAMPA

 

Se è mezzanotte nel secolo

 

 

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
Se è mezzanotte nel secolo
Collana:
Numero Collana:
214
Codice isbn:
9788864111919
Prezzo in libreria:
€ 18,00
Data Pubblicazione:
08-11-2012

Libri dello stesso autore

il caso tulaev

Il caso Tulaev

Victor Serge

Introduzione di Susan Sontag Traduzione di Robin Benatti Mosca, 1938. Il giovane Kostja uccide Tulaev, membro del comitato centrale del Partito Comunista. In seguito all’attentato, la polizia segreta organizza la ricerca non tanto dell’esecutore materiale,..
VEDI DETTAGLI