Hugo Hamilton

L’ultimo sparo

COD: 97e8527feaf7 Categoria: Tag:

Traduzione di Isabella Zani

«Tornare a casa non era così semplice: non era così semplice metter fine a una guerra. Le guerre finiscono solo dopo che è partito l’ultimo sparo, e chissà dov’è partito l’ultimo sparo della seconda guerra mondiale».

Sono gli ultimi giorni della seconda guerra mondiale, Bertha Sommer e l’ufficiale Frank Kern sono di stanza con la Wehrmacht a Laun, un paesino della Cecoslovacchia occupata. Prima dell’inevitabile fine, i due fuggono in bicicletta, mischiandosi alle migliaia di rifugiati che tornano a casa. In quel surreale limbo spazio-temporale che è l’Europa tra il “cessate il fuoco” e la fine reale delle violenze, con i russi alle spalle e l’ignoto davanti a loro, Bertha e Franz iniziano il loro lungo viaggio verso casa. Mentre i due affrontano ogni sorta di peripezie – tra rifugiati pieni di rancore nei confronti dei tedeschi e temporali devastanti – tra i due il sentimento si fa sempre più forte, fino a scoppiare in un amore travolgente.
Quarant’anni dopo, alla fine degli anni Ottanta, un americano del Vermont alla ricerca del luogo dove è stato sparato l’ultimo colpo del conflitto, svelerà l’epilogo drammatico della loro storia, più vicina a lui di quanto non creda.
Ne L’ultimo sparo passato e presente si incontrano in una narrazione struggente di amore e di perdita.

«Era dai tempi di Joyce che non sentivamo una voce come questa».
Marilia Piccone, «Stilos»

«Questo libro ha un finale splendido e inaspettato, che lascia il lettore con la rara sensazione di volere di più».
«The Guardian»

«Hugo Hamilton è il più grande scrittore irlandese di cui non avete ancora sentito parlare».
Joseph O’Connor

L’ULTIMO SPARO – RECENSIONI

 

Emilia Pagliano, STILOS
– 12/09/2006

 

La ricerca storica anzi personale

 

 

 

Nicoletta Sipos, CHI
– 13/09/2006

 

Emozioni à gogo

 

 

 

Antonella Fiori, D- LA REPUBBLICA DELLE DONNE
– 27/05/2006

 

La guerra che non vuol finire

 

Che cosa succede quando la guerra finisce e la pace non è ancora cominciata? Hugo Hamilton lo racconta in L’ultimo sparo , romanzo attraversato da un senso di minaccia ma anche di libertà, che il narratore dosa sapientemente.
La narrazione è tesa e vibrante, proprio perché imprigionata tra questi estremi, con lo scrittore che segue il destino dell’ufficiale tedesco Franz Kern nella Cecoslovacchia occupata alla fine della seconda guerra mondiale e della sua segretaria Berta Sommer, che fuggono in bicicletta mischiandosi alle migliaia di rifugiati che tornano a casa.
Nato a Dublino – ma i ragazzini per strada lo chiamavano nazista – Hugo Hamilton, classe ’53, figlio di una madre tedesca amante della Gran Bretagna e di un padre irlandese che parlava solo in gaelico e ripudiava ogni contatto con l’inglese, aveva narrato di sé in Il cane che abbaiava alle onde sempre Fazi. In questo nuovo romanzo la storia ambientata nel ’45 si alterna a un altro “dopoguerra”: quello vissuto da un americano del Vermont che è in Germania nel bel mezzo della riunificazione tedesca e inizia un viaggio alla ricerca del suo passato.
L’ultimo sparo allude all’ultimo colpo esploso durante il secondo conflitto mondiale, ma arriva alla caduta del muro. Che legame vede tra il 1945 e il 1989?
Sono i due momenti chiave del secolo. Dopo la seconda guerra mondiale in realtà è stato come se la storia fosse stata ibernata, fino alla caduta del muro di Berlino.
Due storie d’amore struggenti in due “dopoguerra” differenti. Con l’americano che deve ritrovare, oggi, il fil rouge della vicenda. L’amore è collegato con la storia?
Nel mio racconto il protagonista ritrova se stesso investigando nella sua propria vicenda personale. Si va alla ricerca del proprio passato per un senso di responsabilità ma anche di fascinazione, di attrazione. Anche se alla fine si tratta di una ricerca elusiva, il passato è sempre lì, come se non fosse trascorso del tempo dalla fine della guerra.
Le lingue rappresentano nella sua vita tanti luoghi dell’anima: lingua-casa, lingua-sogno, lingua-persecuzione. Qual è oggi l’eredità di questa condizione?
Da piccolo pensavo fosse una fortuna parlare tre lingue: inglese, tedesco, irlandese. Crescendo ho cambiato idea. Ho scritto tutti i miei libri in un linguaggio allora per me proibito, l’inglese, ma ci sono cose che puoi dire solo in tedesco o in irlandese. Quando cambio linguaggio io sento immediatamente che appartengo a un paese diverso.

 

IL GIORNO LOMBARDIA
– 12/08/2006

 

Passione rovente nell’Europa libera dalle fiamme

 

 

 

I.V., FAMIGLIA CRISTIANA
– 20/08/2006

 

Il romanzo dell’estate

 

 

 

Giuseppe Scaraffia, DOVE
– 01/09/2006

 

Consigliati e sconsigliati da Giuseppe Scaraffia

 

 

 

Cristina De Stefano, ELLE
– 01/06/2006

 

L’ultimo sparo

 

Dove è risuonato l’ultimo sparo europeo della Seconda guerra mondiale? In quale angolo di una Germania in rotta, dove tutti scappano, si nascondono, si vendicano? Per rispondere a questa domanda un americano fa le sue ricerche nella Germania rinata dalla caduta del muro di Berlino. Ritroverà una donna amata tanto tempo prima, e forse un padre. Mentre sullo sfondo, in un flashback parallelo di fine guerra, due tedeschi – un soldato per caso e una segretaria che non è mai uscita di casa da sola se non per andare a messa – scappano in bicicletta dalla Cecoslovacchia in rovina e sognano di essere innamorati e di poter ricominciare in America. Un romanzo struggente.

 

Antonella Ottolina, ANNA
– 22/06/2006

 

L’ultimo sparo

 

Perché tocca la fortuna di sopravvivere a una guerra? Forse è per sapere cos’è successo alla donna amata dal giorno in cui è salita sul camion degli americani. Il giorno in cui lui ha sbagliato tutto.

 

Elisabetta Rasy, CORRIERE DELLA SERA
– 29/06/2006

 

Una questione privata nella Grande Storia

 

 

 

Luigi Sampietro, IL SOLE 24 ORE
– 18/06/2006

 

Triangolazioni pericolose

 

 

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
L’ultimo sparo
Collana:
Numero Collana:
109
Pagine:
188
Codice isbn:
9788881127412
Prezzo in libreria:
€ 15,00
Data Pubblicazione:
18-05-2006

Libri dello stesso autore

La maschera

Hugo Hamilton

Traduzione di Isabella Zani 1945. Negli ultimi giorni della seconda guerra mondiale, a Berlino, una giovane madre perde il figlio di due anni sotto i bombardamenti. Fugge verso sud, dove suo padre trova tra i profughi un bambino abbandonato, forse ebreo, che sostituirà così il..
VEDI DETTAGLI

Il marinaio nell’armadio

Hugo Hamilton

Prefazione di Terry Eagleton Traduzione di Isabella Zani «Questo nuovo romanzo autobiografico di Hamilton è più di un semplice sequel del Cane che abbaiava alle onde: è un incantevole capolavoro dotato di vita propria». Dalla prefazione di Terry Eagleton..
VEDI DETTAGLI

Il cane che abbaiava alle onde

Hugo Hamilton

Prefazione di Nick Hornby Traduzione di Isabella Zani Gli anni magici di un'infanzia davvero particolare nella Dublino del dopoguerra in quello che è considerato il capolavoro di Hugo Hamilton. Una piccola storia europea dietro la quale si nasconde il..
VEDI DETTAGLI