Jacques Chessex

Un ebreo come esempio

COD: 0eec27c419d0 Categoria: Tag:

Traduzione di Maurizio Ferrara

Da un’atroce pagina di storia cui ha assistito a otto anni, Jacques Chessex, considerato uno dei più grandi scrittori di lingua francese e il più grande scrittore svizzero, insignito del Prix Goncourt, del Grand Prix du Language français e del Prix Jean Giono, distilla un racconto breve e durissimo, una denuncia del fanatismo antisemita che fece i suoi proseliti anche nella neutrale Svizzera. Un libro che ha risvegliato le ombre di un passato che molti suoi connazionali avrebbero preferito dimenticare.

Payerne, Svizzera, aprile 1942. La gente ha fame: dall’occhio cieco del suo fanatismo antisemita il pastore locale Lugrin monta la folla contro “il nemico ebreo”, l’eterno capro espiatorio. Un garagista del villaggio, Fernand Ischi – un ragazzotto volgare, con fama di dongiovanni e violente inclinazioni sadiche – , cova intanto il sogno di diventare capo della sezione locale del partito nazista e mettere in pratica quanto Lugrin predica ormai da anni: trovare un ebreo che dia l’esempio facendolo morire come un cane, come una bestia al macello. Un ebreo la cui uccisione dica a ciascuno che si può fare, che l’assassinio del giudeo è un atto “esemplare”. Un padre di famiglia, un uomo conosciuto e stimato sarebbe la vittima ideale. Arthur Bloch, mercante di bestiame.
Jacques Chessex all’epoca dei fatti era un bambino. Anni dopo, in un caffè, incontrerà Lugrin, il mandante dell’omicidio di Bloch. L’uomo gli rivela un rimpianto: non essere stato più radicale, non avere spinto abbastanza a fondo la lama contro gli ebrei. Perché il pastore è una creatura che non appartiene più agli uomini. Appartiene al giudizio di Dio.
Il racconto breve di un caso di cronaca realmente accaduto – la cui pubblicazione ha suscitato in patria un vespaio di polemiche – si distilla qui in un libro teso come un filo a piombo, nel quale la realtà dell’evento si espande fino ad assurgere a simbolo universale, a teodicea implacabile e feroce.

Jacques Chessex è nato a Payerne nel 1934, Svizzera romanda, ed è venuto a mancare il 9 ottobre 2009 a Yverdon-les-Bains mentre teneva una conferenza sulla sua produzione letteraria. Saggista, critico letterario, poeta, romanziere, scrittore per l’infanzia e, non ultimo, pittore, Jacques Chessex è considerato uno dei più grandi scrittori di lingua francese, e il maggiore esponente della scena letteraria svizzera. Nel 1999 è stato insignito del Grand Prix du langage français, del Grand Prix du rayonnement français de l’Académie Française e, nel 2007, del Grand Prix Jean Giono. Nel 2002 ha ottenuto dalla Francia la Legion d’Onore e nel 2004 il Prix Goncourt de la poésie per l’insieme della sua produzione poetica. Per Fazi Editore sono usciti Il vampiro di Ropraz (2009) e L’orco (2010), Prix Goncourt 1973.

“Jacques Chessex, il nostro nuovo Flaubert, non ha pari nel descrivere senza tremare degli abominii per urlare a bassa voce, per fustigare la colpa. Un grandissimo scrittore”.
Le Nouvel Observateur

“Un racconto implacabile”.
Le Monde

“Un piccolo capolavoro. Bellezza del mondo, fatalità del male, silenzio di Dio: c’è qui ogni cosa, e li si riceve in pieno viso come uno schiaffo”.
Le Point

UN EBREO COME ESEMPIO – RECENSIONI

 

LA REPUBBLICA
– 12/02/2011

 

L’eterna ossessione per la banalità del male

 

 

 

AVVENIRE
– 29/01/2011

 

Chessex e l’orrore antisemita visto da un bambino

 

 

 

IL CENTRO
– 26/01/2011

 

Olocausto, memoria di carta

 

 

 

TTL LA STAMPA
– 24/01/2011

 

La mattanza in camicia bruna

 

 

 

ALTO ADIGE
– 30/01/2011

 

Caccia all’ Ebreo

 

 

 

IL FOGLIO
– 29/04/2011

 

Un ebreo come esempio

 

 

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
Un ebreo come esempio
Collana:
Numero Collana:
184
Codice isbn:
9788864111827
Prezzo in libreria:
€ 14,00
Data Pubblicazione:
20-01-2011

Libri dello stesso autore

L’ultimo cranio del marchese di Sade

Jacques Chessex

Traduzione di Maurizio Ferrara Scomparso due mesi prima della pubblicazione, Jacques Chessex descrive nel suo ultimo provocatorio romanzo la morte del libertino più famoso di sempre: una storia incandescente che mescola con maestria la cronaca delle pratiche erotiche del..
VEDI DETTAGLI

L’orco

Jacques Chessex

Prefazione di Tommaso Pincio Traduzione di Maurizio Ferrara L'orco, vincitore del premio Goncourt, è il romanzo di un uomo prigioniero fino all'assurdo, fino all'incubo, di un padre autoritario e tirannico. Chessex trasferisce qui la propria amarezza e il..
VEDI DETTAGLI

Il vampiro di Ropraz

Jacques Chessex

Prefazione di Daria Galateria Traduzione di Maurizio Ferrara Vincitore del Prix Goncourt, del Grand Prix du language français, del Grand Prix du rayonnement français de l'Academie Fançaise e del Gran Prix Jean Giono, insignito nel 2002 della Legione..
VEDI DETTAGLI