Boris Pahor

Qui è proibito parlare

COD: c4b31ce7d95c Categorie: , Tag:

Collana:
Numero Collana:
148
Pagine:
352
Codice isbn:
9788881121786
Prezzo in libreria:
€ 19,00
Codice isbn Epub:
9788864113579
Prezzo E-Book:
€ 5.99
Data Pubblicazione:
22-01-2009

Traduzione di Martina Clerici

Piazza Grande era vuota, smarrita, dominata da una lieve brezza che con abile astuzia riusciva a raggirare l’estate. Sui chiaroscuri della facciata del palazzo comunale le ombre si andavano addensando, le due statue di Mihec e Jakec impugnavano immobili il martello, pronte a lasciarlo cadere sulla campana di bronzo al momento opportuno…

Principale porto dell’impero austro-ungarico, Trieste aveva visto cobitare per secoli culturi diverse. Integrata nel Regno d’Italia alla fine della Grande Guerra, fu qui che, per la prima volta e anticipando scenari futuri di quello che sarebbe stato il fascismo non solo sul suolo italiano ma anche in Europa, fu messa in atto una campagna di pulizia etnica: tutto quello che era sloveno, lingua, cultura, gli stessi edifici, doveva sparire. E’ in questo clima, così cupo e oppressivo, che Ema, giovane slovena originaria del Carso, si aggira piena di rabbia in una luminosa estate degli anni Trenta. Alle spalle ha una storia familiare dolorosa, e ora, a Trieste, cerca un lavoro che le permetta di vivere in modo indipendente, ma le difficoltà che trova e il rancore per un mondo che sente ostile non fanno che accrescere in lei un senso di dolorosa esclusione. Sarà l’incontro con Danilo sul molo del porto a segnare la svolta della sua vita. Maturo e determinato, l’uomo guiderà i passi della ragazza nel difficile e pericoloso cammino della resistenza al fascimo e della difesa della cultura slovena, e su quello non meno tortuoso dell’amore. Abbandonandosi a una passione che si fa sempre più viva e legandosi a Danilo in un’intesa profondissima, Ema riuscirà finalmente a trovare la forza di prendere in mano la propria vita, di darsi senza remore alla lotta per il riscatto del popolo sloveno e di affrontarne con coraggio tutte le conseguenze.

Hanno detto di Necropoli:

«Necropoli, annoverato da decenni tra i capolavori della letteratura sullo sterminio, è un libro eccezionale».
Claudio Magris, Corriere della Sera
 
«Un testo che con la sua bellezza si situa a pieno titolo accanto ai capolavori di Primo Levi e Imre Kertész».
Paolo Rumiz, “Corriere della Sera”
 
«Necropoli è un romanzo straordinario e il nostro suggerimento è di leggerlo».
Fabio Fazio
 

QUI È PROIBITO PARLARE – RECENSIONI

IL FOGLIO
– 16/07/2009

 

Qui è proibito parlare

 

 

Tommy Cappellini, IL GIORNALE
– 23/06/2009

 

Quando lo scrittore prova a scalare le vette

 

 

L’UNITÀ
– 21/06/2009

 

I finalisti del Flaiano

 

 

Valeria Palumbo, LA PROVINCIA DI COMO
– 30/05/2009

 

Da Pahor un promemoria contro il razzismo

 

 

ADIGE
– 25/05/2009

 

Il bisogno di salvare la lingua

 

 

LETTURE
– 01/05/2009

 

Sloveni a Trieste negli Anni 30

 

 

I liceali, MESSAGGERO VENETO
– 31/03/2009

 

Giocare con i libri e imparare dalla vita

 

 

Tonino Bucci, LIBERAZIONE
– 04/03/2009

 

Sloveni senza lingua

 

 

Walter Chierengin, TRIESTE – ARTE&CULTURA
– 01/01/2009

 

Pubblicata in italiano un’altra opera di Boris Pahor

 

 

Dario Fertilio, CORRIERA DELLA SERA
– 27/02/2009

 

Pahor, la gloria negata in patria

Scoperto in Italia, quasi ignorato in Slovenia

 

Andrea Carraro, IL MESSAGGERO
– 02/03/2009

 

Pahor: amore e rabbia a Trieste negli anni del fascismo

 

 

Annalisa Usai, LA REPUBBLICA
– 01/03/2009

 

“Nel mio vecchio campo rividi le pareti marce” E’ stata l’ultima offesa

 

 

IL GAZZETTINO
– 18/02/2009

 

Boris Pahor si racconta

 

 

IL PICCOLO
– 16/02/2009

 

I più venduti in FGV

 

 

Paolo Petroni, ADIGE
– 17/02/2009

 

Schiacciati dal fascismo

 

 

Guido Caserza, IL MATTINO
– 15/02/2009

 

La violenza che cancella la bellezza

 

 

IL POPOLO
– 05/02/2009

 

Qui è proibito parlare

 

 

Paolo Rumiz, LA REPUBBLICA
– 31/01/2009

 

Se la lingua è clandestina

 

 

Mirella Serri, TTL – LA STAMPA
– 06/01/2009

 

Dietro il filo spinato mi salvò Baudelaire

 

Clicca qui per scaricare il file

Guido Caserza, UNIONE SARDA
– 02/01/2009

 

Amore e resistenza: storia di Ema nata in Slovenia

 

 

Matteo Nucci, IL VENERDÌ DI REPUBBLICA
– 23/01/2009

 

Così le camicie nere italiane decidesero di cancellare gli sloveni

 

 

Libri dello stesso autore

Dentro il labirinto

Boris Pahor

Traduzione di Martina Clerici Dall'autore di Necropoli, un nuovo libro intenso e drammatico che racconta un capitolo sconosciuto della storia d'Italia. Insieme a Primavera difficile e Oscuramento, Dentro il labirinto fa parte della cosiddetta "Trilogia triestina", al centro di...
VEDI DETTAGLI
Necropoli

Necropoli

Boris Pahor

«Necropoli riesce a fondere l’assoluto dell’orrore con la complessità della storia». dall'introduzione di Claudio Magris Campo di concentramento di Natzweiler-Struthof sui Vosgi. L’uomo che vi arriva, un pomeriggio d’estate insieme a un gruppo di...
VEDI DETTAGLI