Léo Malet

Nebbia sul ponte di Tolbiac

Traduzione di Federica Angelini

Quando Nestor Burma riceve una misteriosa richiesta d’aiuto dall’ospedale della Salpêtrière, si precipita sul posto a dare un’occhiata. Ma è troppo tardi: Abel Benoit, un vecchio anarchico, è morto prima di poter parlare con lui. Cosa aveva da dirgli? E perché il mondo dell’anarchismo parigino, con il quale Burma è stato intimamente coinvolto, non è più quello di una volta? Che fine hanno fatto i suoi vecchi amici? Forse qualche indizio può fornirlo Bélita Moralés, seducente gitana che a sua volta nasconde tanti segreti e ha alle spalle una vicenda familiare dai risvolti inaspettati. O forse la pista giusta è legata a un altro caso: la scomparsa, avvenuta nel 1936 nei dintorni del ponte di Tolbiac, di una grossa somma di denaro. È un’inchiesta dura e dolorosa, quella che attende Nestor Burma. Ed è ambientata nel XIII arrondissement, il quartiere dove ha trascorso la sua adolescenza misera ma ricca d’ideali: un luogo pieno di ricordi, dove il passato spunta fuori all’angolo di ogni strada. Un’indagine durante la quale si imbatterà nell’amore e nella morte e dalla quale uscirà scosso come non mai.
Nebbia sul ponte di Tolbiac è unanimemente considerato il capolavoro di Léo Malet, e le sue sono pagine fra le più felici del noir europeo.

«Malet è, giustamente, ritenuto fra le voci più alte del noir francese».
Giancarlo De Cataldo

«Maestro del noir, Malet è giudicato, non a torto, migliore di Simenon».
Corrado Augias

«Malet ha ceduto al suo alter ego Burma molto di sé, non soltanto l’amore per le pipe taurine:
la predilezione del vizio sulla virtù, l’indipendenza non negoziabile, la scorrettezza politica».
Roberto Iasoni, «Corriere della Sera»

«Uno dei detective più riusciti del noir novecentesco. Un classico. E basta».
Fabrizio d’Esposito, «il Fatto Quotidiano»

«Funziona ancora, non per nostalgia ma per la singolare miscela di cinismo e ironia del monologare di Burma e per la qualità delle sue figure».
Tiziano Gianotti, «D – la Repubblica»

«Solo da morto gli fu tributata la caratura letteraria che si meritava, non inferiore a quella di Simenon».
Bruno Ventavoli, «TTL – la Stampa»

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
Nebbia sul ponte di Tolbiac
Collana:
Numero Collana:
10
Pagine:
170
Codice isbn:
9788893250245
Prezzo in libreria:
€ 15
Codice isbn Epub:
9788893251167
Prezzo E-Book:
€ 6.99
Data Pubblicazione:
17-11-2016

Libri dello stesso autore

nestor burma e la bambola

Nestor Burma e la bambola

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini Tempi duri per Nestor Burma: le casse dell’Agenzia Fiat Lux sono drammaticamente vuote e la pioggia primaverile rende Parigi sempre più cupa. Così, fiutata la possibilità di un mistero, il detective privato si reca di nascosto presso..
VEDI DETTAGLI
nestor burma e il mostro

Nestor Burma
e il mostro

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini È agosto e all’Agenzia Fiat Lux non si muove foglia. Nestor Burma si ritrova senza molto da fare: subisce l’agguerrita concorrenza di un ambizioso giornalista che, grazie alle sue inchieste, cerca di offuscare la sua fama e di rubargli il..
VEDI DETTAGLI
Il cadavere ingombrante

Il cadavere ingombrante

Léo Malet

Traduzione di Giuseppe Pallavicini La signora Désiris non si spiega alcune entrate misteriose sul conto in banca del marito. Decisa a fare chiarezza, chiama Nestor Burma. Ma quando il detective arriva a casa dei coniugi, li trova entrambi morti. Secondo la polizia il marito ha..
VEDI DETTAGLI
120, rue de la gare

120, rue de la Gare

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini Primi anni Quaranta. C’è la guerra. Nestor Burma è appena tornato dal campo di prigionia e vede per caso Colomer, suo socio all’agenzia investigativa Fiat Lux prima che venisse chiusa, davanti alla stazione di Perrache. Proprio quando i due si..
VEDI DETTAGLI
delitto al luna park

Delitto al luna-park

Léo Malet

Traduzione di Giuseppe Pallavicini È maggio, a Parigi. Il XII arrondissement, un tempo teatro importante della Rivoluzione, è oggi pungolato dalla cosiddetta doccia scozzese: un acquazzone, un raggio di sole, un raggio di sole, un acquazzone... Nestor Burma è in stazione ad..
VEDI DETTAGLI
il boulevard delle ossa

Il boulevard
delle ossa

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini È primavera, e all’agenzia d’investigazione Fiat Lux è un gran giorno: Nestor Burma e la sua assistente Hélène hanno appena vinto due milioni alla lotteria. Bisogna festeggiare, pipa in bocca e bicchiere in mano. Ma non si può mai stare..
VEDI DETTAGLI
le acque torbide di javel

Le acque torbide di Javel

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini Dicembre è insolitamente mite a Parigi, ma Hortense Demessy non riesce ad assaporarne la dolcezza: Paul, il suo compagno, ex senzatetto e ora operaio metalmeccanico, è scomparso all’improvviso dall’appartamento in rue de la Saïda lasciandola..
VEDI DETTAGLI

L’ombra del grande muro

Léo Malet

Traduzione di Giuseppe Di Liberti A cura di Luigi Bernardi Considerato un libro di culto tra gli affezionati di Léo Malet, L'ombra del grande muro è il primo dei romanzi "fuori serie" di Malet, in cui l'autore incrocia per un momento quel noir di cui è..
VEDI DETTAGLI

Trilogia nera

Léo Malet

A cura di Luigi Bernardi Traduzione di Luigi Bergamin e Luciana Cisbani Amour fou e impeto rivoluzionario, sogni che si vogliono trasformare in realtà e incubi che sono la realtà, destini inesorabilmente condannati alla fine peggiore: ecco gli elementi che..
VEDI DETTAGLI

Nodo alle budella

Léo Malet

A cura di Luigi Bernardi Traduzione di Luciana Cisbani Paul Blondel sogna tutte le notti un piccolo uomo grigio. Quella figura, che non conosce e non sa da dove tragga origine, è diventata un incubo che gli impedisce di trovare riposo. Per dargli corpo,..
VEDI DETTAGLI

Il sole non è per noi

Léo Malet

A cura di Luigi Bernardi Quando si arriva a Parigi troppo giovani bisogna fare attenzione: è facile finire nei guai. André Arnal, aspirante artista giunto dalla provincia, ne fa esperienza sulla propria pelle finendo in prigione per vagabondaggio. È il 1926, «l’epoca della..
VEDI DETTAGLI

La vita è uno schifo

Léo Malet

A cura di Luigi Bernardi Pubblicato originariamente alla fine degli anni Quaranta e poi riunito nella Trilogie noire nel 1969 La vita è uno schifo è considerato il romanzo capostipite del noir francese. Un gruppo di anarco-comunisti intendono sostenere, con furti e rapine,..
VEDI DETTAGLI