Léo Malet

Nodo alle budella

COD: c24cd76e1ce4 Categorie: , Tag:

A cura di Luigi Bernardi

Traduzione di Luciana Cisbani

Paul Blondel sogna tutte le notti un piccolo uomo grigio. Quella figura, che non conosce e non sa da dove tragga origine, è diventata un incubo che gli impedisce di trovare riposo. Per dargli corpo, Blondel rivive le ultime settimane della propria vita, da quando, piccolo truffatore, ha conosciuto Jeanne, una ragazza bellissima, nata per la passione, e per amore di lei ha fatto il passo più lungo della gamba, aumentando la portata delle proprie truffe, e finendo in una banda dedita a furti e rapine. Il piccolo uomo grigio si materializzerà in seguito, quando Blondel avrà finito di ricordare. E l’incubo, fino ad allora riservato ai sogni, prenderà una nuova forma e cambierà per sempre le sue giornate costringendolo a una fuga senza speranza da chi lo ha tradito, da chi gli addebita anche i crimini che non ha commesso, e soprattutto dalla propria sconfitta di uomo. Ultimo capitolo della Trilogie Noire, Nodo alle budella, finora inedito in Italia, ne è l’atto finale amarissimo e disperato, uno dei vertici assoluti dell’intera opera narrativa di Léo Malet.

«C’era un solo cuore, e stavo per sputarlo fuori; un solo stomaco, e talmente chiuso che non si sarebbe più aperto. Ricominciavo, molto semplicemente – e seriamente – a farmela sotto».

NODO ALLE BUDELLA – RECENSIONI

 

Massimo Romano, TUTTO LIBRI/LA STAMPA
– 08/03/2003

 

I falsi gioielli di Malet tra bistrot, pupe, sogni

 


PAUL Blondel, “una rozza canaglia dedita alle più miserabili truffe”, è il protagonista di Nodo alle budella, che conclude la Trilogie noire di Léo Malet, pubblicata nel 1969 dall’editore Losfeld. Scritto alla fine degli Anni Quaranta, dopo La vita è uno schifo (1948) e Il sole non è per noi (1949), doveva uscire nelle Editions du Scorpion, ma rimase inedito per vent’anni a causa della improvvisa chiusura della casa editrice. Il cruccio di Malet, come rivela Luigi Bernardi nella postfazione, era quello di non essere pubblicato nella “Série Noire” di Gallimard. A mandare in bestia lo scrittore fu il fatto che il direttore, Marcel Duhamel, trovasse i suoi romanzi troppo “populisti” dopo averli soltanto “sfogliati” e non “letti”. Paul, che narra la storia in prima persona, fa un sogno ricorrente: un occhialuto e grigio impiegato dell’ufficio postale lo tormenta e lo umilia davanti a tutti come un “demone aguzzino”. Per attuare la truffa dei finti gioielli, si mescola nella folla di un mercato e avvicina Jeanne, una prosperosa bionda che ascolta il discorso di un ambulante, per offrirle un braccialetto. Folgorato da “un paio di tette”, la segue nel cortile di un bistrot di periferia, dove viene smascherato, ma finisce avvinghiato in “un lungo, silenzioso, soffocante bacio”. Jeanne è lo specchietto delle allodole per attrarre i clienti del bistrot, di proprietà di un suo prozio, ex ricettatore, un vecchio guardone che mediante un armadio a specchio osserva gli uomini che vanno a letto con lei. Un giorno arriva l’ex amante, capo di una banda dai nomi pittoreschi, Pierrot la Scimmia, Jim il Matto, Paltò di pelle, dedita a furti e rapine. Paul si aggrega per amore di Jeanne, che intanto lo ha tradito con un altro malavitoso, ma durante un colpo ai Magazzini Generali, quando vede un impiegato occhialuto, gli spara e lo uccide. Ora può fare sonni tranquilli, finalmente liberato dall’incubo onirico, ma è costretto a fuggire per le città di provincia, braccato dalla polizia che gli addebita anche crimini non commessi. Vive sotto falso nome in luridi alberghetti, dormitori per barboni, bordelli, baracche. La paura gli impedisce di assaporare il riposo del sonno, “la sola condizione in cui mi sentivo pulito e puro”. Finisce nel Sud della Francia, nella villa di una donna che lo ama, ma ormai non si fida più di nessuno. Non si può svelare il finale di un noir. Possiamo però dire che per gli eroi disperati di Malet, che non sono “un granché, niente a che vedere con Napoleone, nemmeno alla lontana”, il male è un imbuto da cui è impossibile uscire, uno sprofondamento agli inferi. Forse troveranno la pace nella cella del carcere, ma se si addormentano ritornerà l’ossessione dell’impiegato occhialuto. E’ uscito anche I ratti di Montsouris, il terzo de “I nuovi misteri di Parigi”, quindici romanzi scritti da Malet tra il 1954 e il 1959 e ambientati nei vari quartieri della capitale francese. A risolvere il caso del XIV arrondissement è sempre l’ispettore Nestor Burma, che si muove tra luride stamberghe e acquedotti sotterranei, rapinatori di ville e rosse provocanti e ninfomani. Questo romanzo, non impeccabile nella traduzione, ci pare però meno convincente nel ritmo e più sgangherato nell’intreccio rispetto ai due precedenti.

 

Corrado Augias, IL VENERDI’ – LA REPUBBLICA
– 20/12/2002

 

Nodo alle Budella

 

Approfitti di Malet chi ha ancora la fortuna di non conoscerlo; il piacere della scoperta sarà grande essendo Malet non inferiore a Smenon come autore di magnifici romanzi gialli. O giallo-neri piuttosto, come il titolo qui segnalato che chiude per l’apppunto la sua Trilogie noire e rappresenta uno dei vertici della sua narrativa: disperata, umana, piena di suspense.

 

Alessandro Terreni, JACK
– 01/12/2002

 

Nodo alle budella

 

IL LIBRO Paul Blondel è un pesce piccolo della mala parigina: delinquente mediocre, vivacchia di espedienti ai danni di vecchiette e sprovveduti. Circondato da un’umanità sudicia e grottesca compie l’errore di innamorarsi della bellissima Jeanne, e sedotto dalla finta innocenza di lei ne asseconda l’avidità in una degradante spirale di umiliazione e follia. In un’atmosfera da incubo lucido, dove il sogno e la veglia sono le facce della stessa miserabile realtà, seguiamo Blondel nella sua fuga da se stesso e dai suoi demoni: non avrà scampo. Uno scoinvolgente noir che avvince subito il lettore, dalla scrittura amara ed essenziale, con un protagonista, perdente senza gloria, che si ricorda a lungo.
L’AUTORE Malet (1909-96) è uno dei maggiori autori francesi di polizieschi. Questo libro chiude la sua trilogia noir, tutta pubblicata da Fazi.

 

Giampiero Cinque, IL GIORNALE DI SICILIA
– 06/12/2002

 

Nodo alle budella

 

E’ il romanzo che chiude la trilogia aperta con “La vita è uno schifo” e “Il sole non è per noi”. Chi è l’uomo piccolo, vestito con un camice grigio, con occhiali, baffi e un’espressione ostile e che perseguita nel sogno Paul Blondel, un piccolo travet della truffa che per amore è finito nel giro grosso del crimine? Lo sapremo accompagnando Paul nei suoi ricordi e in quel che accade alla fine di essi, in un romanzo dalla tormentata vita editoriale nel quale il senso della sconfitta respira fin dall’inizio nelle strade, nelle stanze, nelle imprecazioni.

 

Guido Caldiron, LIBERAZIONE
– 12/12/2002

 

Paris Blues

 

La geografia “in noir” della capitale francese nei romanzi di Léo Malet

Ha costruito una geografia dell’anima in rivolta che è insieme specchio di un mondo proletario, talvolta disperato, molto più spesso semplicemente alla deriva. Sovversivo per indole prima ancora che per cultura, Léo Malet è considerato come il padre della letteratura noir d’oltralpe, il maggiore riferimento per autori come Jean-Patrick Manchette, Didier Daeninckx, Thierry Jonquet. Nelle sue storie poliziesche ha raccontato una Parigi in bianco e nero, fatta di angoli sordidi e pericolosi e popolata da una umanità di poveri cristi, quasi predestinati a ricevere dalla vita solo colpi bassi. Un’immagine fosca della capitale francese che non a caso è piaciuta al disegnatore Jacques Tardi, che di Malet ha illustrato le storie e i personaggi.

Eppure nella sua lunga e difficile vita – è morto nel 1996 a ottantasette anni -, Léo Malet ha conosciuto e attraversato esperienze e atmosfere che ne fanno un personaggio che si fa fatica ad inquadrare nel panorama culturale francese del Novecento.

Anarchici e surrealisti
Compagno di strada dei surrealisti, amico di André Breton, Salvador Dalì e Jacques Prevert, e in contatto con René Magritte, e lui stesso autore di poesie e curiose opere grafiche ottenute riproducendo allo specchio le fotografie, con lo stile del “decollage”, Malet si sposta negli anni Venti da Montpellier a Parigi. Prima di approdare alla letteratura fa mille mestieri, tra cui l’operaio e il magazziniere, ma anche il cantante di cabaret. Animatore dei circoli anarchici e redattore del giornale libertario “L’insurgé”, sarà prima arrestato dalla polizia francese nel 1940 per “attentato alla sicurezza dello Stato” e quindi dagli occupanti nazisti, che lo interneranno allo Stalag X2, tra Brema e Amburgo. Nel dopoguerra, quando la sua carriera di romanziere ne farà un personaggio molto noto nel paese, ma sempre schivo e estraneo ai cliché dell’industria culturale, la sua distanza dalla politica, ma non dal temperamento libertario, continuerà a crescere. Questo fino all’epilogo degli ultimi anni di vita, quando Malet sembrerà addirittura avvicinarsi alle posizioni xenofobe dell’estrema destra di Jean Marie Le Pen.

In mezzo, nel corso di questa vita contraddittoria, ci sono gli oltre trenta capitoli delle avventure di Nestor Burma, il personaggio dell’investigatore privato un po’ sfigato creato da Malet negli anni Quaranta, e almeno un’altra decina di titoli, tra gialli, noir e romanzi di cappa e spada.

Proprio in questi giorni l’Editore Fazi manda in libreria Nodo alle budella (pp. 196, euro 12,50) che completa, dopo Le vita è uno schifo e Il sole non è per noi, la “Trilogie Noire” considerata il capolavoro di Malet. Se è a Nestor “Dinamite” Burma che lo scrittore deve infatti la propria popolarità, e un successo di vendite che in Francia si è mantenuto inalterato per oltre un trentennio, con questi tre romanzi Malet estende il campo del noir a una sorta di ricostruzione disperata, che prende corpo pagina dopo pagina, dell’impossibilità di vivere fino in fondo l’amore e la passione, senza esserne travolti a rischio della stessa vita.

Sogni e incubi
Ribelli anarco-comunisti o semplici banditi di strada, avventurieri della rivoluzione o borghesi in crisi che cercano di fare il grande salto, i suoi personaggi sembrano scontrarsi inesorabilmente con i loro stessi limiti, misurando tutta la terribile discesa agli inferi che finisce per trasformare i loro sogni in incubi senza fine. «La resa dei conti con questo incubo – scrive Luigi Bernardi in un breve intervento che conclude questa prima traduzione italiana di Nodo alle budella, pubblicato originariamente in Francia nel 1969 – segnerà per Paul Blondel (il protagonista del libro) l’impossibilità di tornare indietro, cercare passi diversi sui quali incamminare la propria vita. E’ un destino che lo lega a quello di Jean Fraiger e André Arnal, i protagonisti di Le vita è uno schifo e Il sole non è per noi. Tutti e tre sono uomini per i quali il destino ha scelto la fine peggiore: cercano di opporsi al male della società commettendone a loro volta, ma è uno scalciare a vuoto, una ribellione che non produce risultati apprezzabili. Per Léo Malet, invece, che quello scalciare e quelle ribellioni deposita nel cuore e nell’intelligenza dei propri lettori, la “Trilogie Noire” rappresenta il vertice della sua narrativa, un’opera che riscrive e codifica la grammatica del romanzo noir nella sua formulazione più genuina».

Sullo sfondo ancora una volta le atmosfere misteriose e talvolta miserabili di Parigi. Perché i diversi territori della metropoli francese hanno trovato davvero in Malet il loro più attento cantore. In particolare la serie dei “Nuovi misteri di Parigi”, di cui è protagonista Nestor Burma – e di cui sempre Fazi ha già pubblicato Nebbia sul Ponte di Tolbiac, Febbre nel Marais e, in questi giorni, I ratti di Montsouris (pp. 169, euro 8,50) – si articola lungo il tracciato dei quindici arrondissement metropolitani, definendo, di avventura in avventura, una vera mappa “in noir” della città.

 

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
Nodo alle budella
Collana:
Numero Collana:
76
Pagine:
204
Codice isbn:
9788881123759
Prezzo in libreria:
€ 13,00
Data Pubblicazione:
15-11-2002

Libri dello stesso autore

nestor burma e il mostro

Nestor Burma
e il mostro

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini È agosto e all’Agenzia Fiat Lux non si muove foglia. Nestor Burma si ritrova senza molto da fare: subisce l’agguerrita concorrenza di un ambizioso giornalista che, grazie alle sue inchieste, cerca di offuscare la sua fama e di rubargli il..
VEDI DETTAGLI
Il cadavere ingombrante

Il cadavere ingombrante

Léo Malet

Traduzione di Giuseppe Pallavicini La signora Désiris non si spiega alcune entrate misteriose sul conto in banca del marito. Decisa a fare chiarezza, chiama Nestor Burma. Ma quando il detective arriva a casa dei coniugi, li trova entrambi morti. Secondo la polizia il marito ha..
VEDI DETTAGLI
120, rue de la gare

120, rue de la Gare

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini Primi anni Quaranta. C’è la guerra. Nestor Burma è appena tornato dal campo di prigionia e vede per caso Colomer, suo socio all’agenzia investigativa Fiat Lux prima che venisse chiusa, davanti alla stazione di Perrache. Proprio quando i due si..
VEDI DETTAGLI
delitto al luna park

Delitto al luna-park

Léo Malet

Traduzione di Giuseppe Pallavicini È maggio, a Parigi. Il XII arrondissement, un tempo teatro importante della Rivoluzione, è oggi pungolato dalla cosiddetta doccia scozzese: un acquazzone, un raggio di sole, un raggio di sole, un acquazzone... Nestor Burma è in stazione ad..
VEDI DETTAGLI
il boulevard delle ossa

Il boulevard
delle ossa

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini È primavera, e all’agenzia d’investigazione Fiat Lux è un gran giorno: Nestor Burma e la sua assistente Hélène hanno appena vinto due milioni alla lotteria. Bisogna festeggiare, pipa in bocca e bicchiere in mano. Ma non si può mai stare..
VEDI DETTAGLI
nebbia sul ponte di tolbiac

Nebbia sul ponte
di Tolbiac

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini Quando Nestor Burma riceve una misteriosa richiesta d’aiuto dall’ospedale della Salpêtrière, si precipita sul posto a dare un’occhiata. Ma è troppo tardi: Abel Benoit, un vecchio anarchico, è morto prima di poter parlare con lui. Cosa..
VEDI DETTAGLI
le acque torbide di javel

Le acque torbide di Javel

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini Dicembre è insolitamente mite a Parigi, ma Hortense Demessy non riesce ad assaporarne la dolcezza: Paul, il suo compagno, ex senzatetto e ora operaio metalmeccanico, è scomparso all’improvviso dall’appartamento in rue de la Saïda lasciandola..
VEDI DETTAGLI

Le inchieste di Nestor Burma II

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini Un ricatto di troppo Il Quinto Processo Il sole sorge dietro il Louvre Sono qui raccolti tre episodi della serie che ha come protagonista Nestor Burma, il famoso detective, anarchico e ironico, che ha la taglia dell'antieroe:..
VEDI DETTAGLI

Le inchieste di Nestor Burma I

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini Chilometri di sudari Baraonda agli Champs-Elysées Morte a Saint-Michel Sono qui raccolti tre episodi della serie che ha come protagonista Nestor Burma, il famoso detective, anarchico e ironico, che ha la taglia dell’antieroe:..
VEDI DETTAGLI
il quinto processo

Il quinto processo

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini «Un uomo era lì steso, legato ai polsi e alle caviglie, gli abiti sporchi, le mani e il viso non certo più puliti: era infangato fino al collare di barba. Il signor Maillard in persona, rigido come un pezzo di legno. La vecchia aveva ragione,..
VEDI DETTAGLI
Il sole sorge dietro il Louvre

Il sole sorge dietro il louvre

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Nestor Burma torna a indagare i misteri della sua città, Parigi. Questa volta protagonista è il I arrondissement, quello del Louvre, il vero cuore della metropoli. Un cuore dove, tra trafficanti e falsari di opere..
VEDI DETTAGLI

Un ricatto di troppo

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A dieci anni dalla morte (3 marzo 1996-2006) di uno dei maggiori scrittori di noir e polizieschi, Fazi Editore, che ha fatto conoscere in Italia la saga dell'investigatore Nestor Burma, pubblica un nuovo titolo della serie I nuovi misteri di..
VEDI DETTAGLI
Tutti a la Muette

Tutti muti a la Muette

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Il XVI è un arrondissement parigino "nobile", da sempre abitato da famiglie facoltose e molto attente all'etichetta. E proprio per evitare uno scandalo, la signora Ailot ingaggia Nestor Burma perché recuperi i gioielli..
VEDI DETTAGLI
morte a saint michel

Morte a Saint-Michel

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Delimitato dal celeberrimo Boulevard Saint-Michel, il cosiddetto quartiere latino pullula di studenti, locali di ritrovo, cabaret. Ma anche di misteri. Cosa c’è dietro l’apparente suicidio di un giovane, figlio di un..
VEDI DETTAGLI

L’ombra del grande muro

Léo Malet

Traduzione di Giuseppe Di Liberti A cura di Luigi Bernardi Considerato un libro di culto tra gli affezionati di Léo Malet, L'ombra del grande muro è il primo dei romanzi "fuori serie" di Malet, in cui l'autore incrocia per un momento quel noir di cui è..
VEDI DETTAGLI
chilometri di sudari

Chilometri di sudari

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Un nuovo episodio che getta un po' di luce anche sull'ambiguo e "chiacchierato" rapporto che lega la graziosa ed efficiente segretaria al suo capo, senza tuttavia rallentare il susseguirsi di colpi di scena. Secondo..
VEDI DETTAGLI

Trilogia nera

Léo Malet

A cura di Luigi Bernardi Traduzione di Luigi Bergamin e Luciana Cisbani Amour fou e impeto rivoluzionario, sogni che si vogliono trasformare in realtà e incubi che sono la realtà, destini inesorabilmente condannati alla fine peggiore: ecco gli elementi che..
VEDI DETTAGLI
Pandemonio a rue des Rosiers

Pandemonio a rue des Rosiers

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Ambientato nel quartiere ebraico di Parigi negli anni successivi alla fine della guerra, quando le ferite provocate dall'odio razziale sono ancora fresche, Malet riesce a trattare la questione ebraica senza retorica,..
VEDI DETTAGLI
La notte di Saint-Germain-des-Prés

La notte di Saint-Germain-des-Prés

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Come sua consuetudine nella serie di romanzi dedicata all'impareggiabile Nestor Burma, Léo Malet ci porta alla scoperta di un nuovo arrondissement di Parigi. Questa volta si tratta del VI, Saint-Germain-des-Près, il..
VEDI DETTAGLI
I ratti di Montsouris

I ratti di Montsouris

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Tradotto per la prima volta in italiano, I ratti di Montsouris è una nuova sfida per l'investigatore Nestor Burma. Quando imbocca rue Blottière, Nestor Burma ricorda che l'’ultima volta che aveva sentito parlare di..
VEDI DETTAGLI
Febbre nel Marais

Febbre al Marais

Léo Malet

Traduzione di Federica Angelini A cura di Luigi Bernardi Quando Nestor Burma va per recuperare del denaro da un usuraio di Rue des Francs-Bourgeois, lo trova morto, con la faccia sporca di rossetto. Due gli elementi che permetteranno a Nestor Burma di risolvere il caso, in..
VEDI DETTAGLI

Il sole non è per noi

Léo Malet

A cura di Luigi Bernardi Quando si arriva a Parigi troppo giovani bisogna fare attenzione: è facile finire nei guai. André Arnal, aspirante artista giunto dalla provincia, ne fa esperienza sulla propria pelle finendo in prigione per vagabondaggio. È il 1926, «l’epoca della..
VEDI DETTAGLI

La vita è uno schifo

Léo Malet

A cura di Luigi Bernardi Pubblicato originariamente alla fine degli anni Quaranta e poi riunito nella Trilogie noire nel 1969 La vita è uno schifo è considerato il romanzo capostipite del noir francese. Un gruppo di anarco-comunisti intendono sostenere, con furti e rapine,..
VEDI DETTAGLI