Gore Vidal

L’invenzione degli Stati Uniti

COD: e836d813fd18 Categorie: , Tag:

Traduzione di Marina Astrologo

Gore Vidal torna a parlare di storia americana. Stavolta non si tratta di un romanzo ma di un saggio, che negli USA ha ricevuto recensioni entusiastiche ed è stato tra i libri storici di maggior successo degli ultimi anni, con oltre 200.000 copie vendute. Ovviamente, trattandosi di Gore Vidal, questo volume sui padri fondatori non assomiglia a nessun altro che gli americani o gli italiani abbiano letto. Non solo per l’incomparabile eleganza della scrittura; non solo per l’ironia, o persino l’aperto umorismo, con cui Vidal descrive fobie, idiosincrasie e difetti (umani, politici) dei Tre Grandi Padri. Ma anche perché – sono parole di Vidal – «le tante storie delle origini della Repubblica sembrano fissare con aria ebete l’aspetto luminoso di una storia che, più ne sappiamo, più diviene oscura», e ignorano la profezia di Benjamin Franklin (siamo nel 1787) secondo cui la Repubblica americana si sarebbe prima o poi trasformata in tirannia. Per l’autore, questo tempo è quasi arrivato: e attraverso la genesi politica della Costituzione repubblicana – che, come Vidal non si stanca di sottolineare, non è mai stata democratica, ma spiccatamente oligarchica – molti aspetti della cronaca odierna ricevono da questo libro una nuova e sconvolgente luce.

«Dalla pungente penna di Gore Vidal un affresco storico che ripercorre, attraverso i retroscena politici, e le vicende personali dei tre padri fondatori degli USA, la genesi della Costituzione repubblicana».
Brunella Schisa, «Il Venerdì di Repubblica»
 
«Parlando dei tre Grandi Padri degli Stati Uniti, l’autore colpisce la mediocrità di chi oggi è ai vertici della politica americana».
Igor Fiatti, «L’Indice»
 
«Dissacra impietosamente, con pennellate d’autore e rigorose citazioni dai documenti, i primi tre presidenti, i più universalmente “riveriti”. Eppure il succo che si ricava dalla lettura è l’opposto di quel che potrebbe sembrare a prima vista: erano dei giganti rispetto ai loro successori».
Siegmund Ginzberg, «L’Unità»

L’INVENZIONE DEGLI STATI UNITI – RECENSIONI

Paolo Martini, SETTE
– 19/12/2014

 

Invenzioni e distrazione made in Usa

 

 

Carlo Lottieri, IL TEMPO
– 07/02/2008

 

C’era una volta l’America dei grandi Padri Fondatori

 

 

Luigi Sampietro, IL SOLE 24 ORE
– 26/03/2006

 

E l’Italia incantò l’America

 

 

Igor Fiatti, L’INDICE
– 01/01/2006

 

Avevamo più tempo

 

 

Vittorio Zucconi, LA REPUBBLICA
– 03/01/2006

 

Un uomo condannato a vivere all’attacco

 

 

Giovanni Cogliandro, LETTURE
– 01/12/2005

 

Gore Vidal demitizza l’Impero USA

 

 

Maurizio Gregorini, ITALIA SERA
– 02/12/2005

 

Il nuovo Gore Vidal

 

 

Tullia Fabiani, STILOS
– 07/11/2005

 

Gli americani? Privi di empatia e di pietà

 

 

NEWS
– 19/10/2005

 

News Pagelle

 

Vidal, sempre pungente, narra episodi di comicità involontaria che hanno come protagonisti alcuni tra i Padri della nazione americana. Per esempio, Thomas Jefferson non si formalizzava affatto ad andare a letto con la sua schiava, ma si guardava be-ne dal renderla libera. “Visto che tut-ti gli uomini sono creati uguali, se vo-lete fare sul serio, signor Jefferson, li-berate i vostri schiavi”.

Cesare Lanza, CAPITAL
– 01/10/2005

 

Salotto

 

Gore Vidal
scrittore
Perché nel suo ultimo libro ha deciso di occuparsi degli Stati Uniti e delle figure dei padri fondatori Washington, Adams, Jefferson?
Perché le tante storie delle origini della Repubblica sembrano fissare con aria ebete l’aspetto luminoso di una storia che, più ne sappiamo, più diviene oscura.

 

Seba Pezzani, IL GIORNALE
– 07/11/2005

 

USA viaggio a due identità

 

 

Brunella Schisa, IL VENERDÌ
– 07/10/2005

 

Il presidente Washington: un ragazzo sempre sincero

 

Adams? “Il più insigne dei dotti”. Jefferson? “La personalità più complessa. Dotato di talento come scrittore, architetto, agricoltore”. Washington? “Il ragazzo che non sapeva dire bugie”.
Dalla pungente penna di Gore Vidal un affresco storico che ripercorre, attraverso i retroscena politici, e le vicende personali dei tre padri fondatori degli Usa, la genesi della Costituzione repubblicana.

Diego Gabutti, CRONACHE DE L’INDIPENDENTE
– 13/10/2005

 

L’ultimo atto di accusa di Gore Vidal

 

 

Lisa Oppici, GAZZETTA DI PARMA
– 05/10/2005

 

Gore Vidal, Abbasso l’Impero

 

 

Aldo Forbice, IL GAZZETTINO
– 05/10/2005

 

“Contro l’America”

 

 

Linda Berni, GIORNALE DI BRESCIA
– 06/10/2005

 

America, le radici tradite

 

 

Costanzo Costantini, IL MESSAGGERO
– 03/10/2005

 

Vidal e i padri traditi dell’America

 

 

Enrico Arosio, L’ESPRESSO
– 16/09/2005

 

Da Ravello con furore

 

Gore Vidal non è allegro. Dopo 32 anni lascia Ravello e La Rondinaia, la sua celebre villa a strapiombo sulla Costiera amalfitana: è in vendita da tempo (vedi box), e i suoi 8 mila libri stanno partendo per la California. E’un addio all’Italia, oltre che a un capitolo appagante della sua vita. La gamba sinistra soffre, gli occhi chiari tradiscono l’affanno, la elegante giacca estiva color tabacco è sgualcita. Ma la memoria è lucida, la voglia di graffiare intatta, e viva la passione per la politica, la storia, l’identità americana. “L’Espresso” ha intervistato il vecchio gentiluomo provocatore: è in uscita da Fazi un saggio acuto e pettegolo, “L’invenzione degli Stati Uniti” (184 pagine, 13 euro), sull’idea di Repubblica presso i padri fondatori Washington, Adams e Jefferson, con molti rimandi all’America di oggi. E il 23 settembre seguirà “La Trilogia dell’Impero”, che riunisce i suoi recenti pamphlet politici.
Mister Vidal, partiamo dalla “profezia di Franklin” lei cara? La Repubblica americana destinata a degenerare nella “corruzione” e nel “governo dispotico”di oggi, il governo Bush, la lobby neocon, i petrolieri?
“Benjamin Franklin era un saggio. Comprendeva la natura dei governi. I padri fondatori temevano due cose: la democrazia, e citavano volentieri la fine della democrazia ateniese, e la tirannia. Volevano la repubblica. Guardarono soprattutto a Roma, con un imperatore eletto: George Washington fu una sorta di Augusto americano. Inclinavano al liberalismo nella definizione nostra: favorire le riforme politiche verso un’estensione dei diritti democratici . Franklin, conscio del fallimento dell’idea democratica in Atene e Roma, fu uno spirito anticipatore”.
Anticipatore e creativo.
“Inventò le banconote essendo uno stampatore: un conflitto d’interessi diremmo oggi”.
La profezia di Franklin preannuncerebbe persino lo scandalo Enron…
“Ho scritto così? Gli scandali sono ricorrenti nella nostra storia. Oggi abbiamo un governo dei Ricchi e Indifferenti. Avremo altri casi Enron anche in futuro. Prendiamo Alexander Hamilton: fu un agente al servizio della Corona inglese e figura come un padre fondatore degli Stati Uniti. La sua dottrina? Nessuno farà nulla di buono per lo Stato e per il popolo se non in base all’interesse personale: il governare è legale al “self interest”, questa è la vera radice della prosperità. Si è visto a vari livelli che non aveva torto. Oggi la questione energetica ha dato la scusa al governo Usa di attaccare il Medio Oriente, puntare alle riserve petrolifere di altre nazioni”.
Gli americani, lei scrive, non sanno la differenza tra Repubblica e democrazia.
“Non la sanno. Perché non gli è stata insegnata la storia. E da quando abbiamo scoperto come si rubano le elezioni presidenziali, è accaduto nelle ultime due occasioni, in Ohio e Florida, non abbiamo più nemmeno una democrazia formale. Le denunce, dentro e fuori il Congresso, sono state ignorate. Se la proprietà dei media è collusa con la proprietà del paese, forget it, lasciamo perdere! Ci sono 75 mila voti in Florida che sono ancora in qualche magazzino, dal 2000, mai contati”.
I media, altro suo cavallo di battaglia.
“Hanno un ruolo venefico. Come il sistema educativo: il modo in cui si insegna la storia americana è privo di realismo, al contrario, è del tutto fantastico. Gli americani non hanno media affidabili né un’educazione di qualità né leader alternativi. L’America, oggi, è come colpita da paralisi”.
A quando daterebbero i primi sintomi?
“Al 1950. Quando Harry Truman inventò il National Security State, militarizzando il paese. Da allora abbiamo ripreso a far politica con le guerre. Eppure, tranne la fase del riarmo atomico, della crisi dei missili, Kennedy, Cuba, l’Urss non fu mai un pericolo reale per il territorio degli Usa”.
Nel 1789 non appariva urgente la politica estera. C’era il partito inglese, Adams e Hamilton, e il partito francese, Jefferson. Ma covava già l’idea dell’unilaterismo?
“Gli americani non partirono per conquistare il Messico o sconfiggere la Spagna, ma per riempire il Continente nordamericano, per poi dedicarsi al commercio, all’industria, alla finanza. Fummo coinvolti dal lungo conflitto tra Gran Bretagna e Francia, invademmo due volte il Canada. Bonaparte ci svendette la Lousiana, del cotone e degli schiavi non gli fregava nulla, noi ne tirammo quattordici stati. La maggior parte degli americani forse avrebbe voluto rimanere britannica, ma insieme chiedevano la “representation” parlamentare. E’una lunga storia…”.
La dottrina di Bush e dei neocon rilancia da alcuni anni un’idea di isolazionismo americano. Quanto potrà durare?
“Poco. Siamo prossimi alla bancarotta. Viviamo sui nostri debiti. Anche in passato si finanziarono avventure militari con denaro prestato. Per organizzare un esercito di un milione di uomini e invadere qualche paese petrolifero stampiamo buoni del tesoro. Ma oggi non arrivano più entrate fiscali: solo la middle class ancora paga, senza ricevere servizi; pagano i ricchi e le grandi corporation non pagano quasi più tasse sui loro profitti. Ma un Impero per espandersi va nutrito, altrimenti rischia l’entropia. Paul Kennedy, lo storico, ha paragonato la fine dell’impero britannico con la prossima fine del nostro”.
Lei insiste col termine impero, non si sarà fatto nuovi amici a Washington…
“Non m’interessano quegli amici. I neocon hanno contribuito a distruggere la nazione. Vede, io conosco la storia. I neocon sono tutti recensori di libri. Non uno che sia diventato un buon autore, un economista, un banchiere. Macchè: recensori. Gruppuscoli, tipo il Cato Institute, che predicano l’imperialismo a politici corrotti. E molti erano trotzkisti, da giovani. Passarono ai conservatori perché c’era più denaro da spillare. Portare ordine e democrazia al Medio Oriente! Con un gruppo di recensori finiti all’estrema destra!”.
Non è bizzarro che il governo Usa all’improvviso chieda aiuto all’Europa dopo New Orleans? Alla vecchia debole pavida Europa?
“Bizzarro, forse. Ma prima di questo: non abbiamo i mezzi, le infrastrutture per assistere la Lousiana. E le vittime sono di nuovo gli afro-americani”.
Una tragedia di minoranza, dei poveri e dei neri, può indebolire il governo?
“In un Paese normale il governo cadrebbe. Ma noi non siamo un Paese normale. Il primo potere sono i media, che manipolano tutto. I pamphlet ottocenteschi cambiavano la realtà, ma lentamente; nell’era televisiva sono processi rapidissimi”.
E’sempre convinto che non vi sia opposizione, negli Stati Uniti? E che i democratici come partito siano inesistenti?
“Il sistema “checks and balances” è in crisi profonda. Ma io dato la crisi del partito democratico a Lyndon Johnson. Non è bastata la brillantezza di Bill Clinton a recuperare la base storica dei democratici”.
Non dà una chance nemmeno a Hillary?
“Non credo proprio. Lei è per la guerra. Non puoi essere perla guerra e rappresentare il vecchio partito democratico. Sulla guerra lei parla come un repubblicano. Il Paese reale è contro la guerra e anti-imperiale dai tempi di Wilson, di Roosvelt. L’80 per cento del popolo americano era contrario all’intervento in Europa, durante la Seconda guerra mondiale. Me lo ricordo bene, ero a scuola a New England, mio nonno era un leader dei democratici isolazionisti”.
Dal punto di vista dell’Europa fu un bene che prevalesse Roosvelt…
“Indubbiamente”.
Ma oggi? Esportare la democrazia è uno slogan affascinante…
“E’un’assudità. Ci hanno provato britannici e francesi quando erano Imperi coloniali. Ma oggi in Asia, in Medio oriente no. Non funziona. Non ci credo”

Gaia Vendettuoli, LA SICILIA
– 28/09/2005

 

La tirannia di George Bush

 

 

Gaia Vendettuoli, LA NUOVA SARDEGNA
– 27/09/2005

 

Non chiamatela democrazia

 

 

Luciana Libero, IL MATTINO
– 24/09/2005

 

Un fallimento l’invenzione dell’impero Usa

 

 

IL TIRRENO
– 24/09/2005

 

Eppure io ve l’avevo detto

 

 

Gaia Vendettuoli, LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
– 27/09/2005

 

Il veleno di Vidal sull’America delle menzogne

 

 

IL CORRIERE DELLA SERA ROMA
– 22/09/2005

 

“L’invenzione degli Stati Uniti” nelle pagine ironiche di Vidal

 

 

Eugenio Zacchi, IL TEMPO
– 21/09/2005

 

“Ve la spiego io l’America”

 

 

Guido Caldiron, LIBERAZIONE
– 21/09/2005

 

Gore Vidal: “Democrazia negli Usa? Un parolone!”

 

 

Siegmund Ginzberg, L’UNITÀ
– 22/09/2005

 

Ma quale democrazia! L’America è tiranna!

 

 

Ludina Barzini, LA STAMPA
– 21/09/2005

 

Vidal: l’America è cloroformizzata, preferisco l’Italia

 

 

Guiduccio Baldi, GAZZETTA DEL SUD
– 21/09/2005

 

Quando l’America smarrì se stessa

 

Dopo aver raccontato e denunciato, con un’attenta analisi, la realtà anche politica degli Stati Uniti negli ultimi anni, Gore Vidal torna al racconto storico, con un saggio sui padri fondatori, dal titolo “L’invenzione degli Stati Uniti. I Padri: Washington, Adams, Jefferson” (Fazi Editore, euro 13,00).
Un libro sulla storia americana che mette in luce anche i retroscena degli ambienti politici, aspetti intimi dei fondatori della Costituzione americana, idiosincrasie, piccole fobie, ma, soprattutto, la grandezza dei loro valori, in tempi in cui il popolo americano sembra aver perso il senso della propria identità costruita, negli anni, a fatica. Da qui l’esigenza di Vidal di guardare al passato per capire ancora una volta il presente.
“Le Istituzioni americane stanno vivendo un brutto periodo – spiega – ho pensato per questo che fosse giusto tornare alle radici per vedere come è iniziato tutto e cosa abbiamo perso”. E così attraverso la storia della formazione degli Stati Uniti, si scoprono anche i problemi quotidiani di Hamilton, di Jefferson, le trame politiche e le grandi virtù di uomini impegnati a costruire un paese nuovo e libero. Tra un passo storico e un altro, con ironia si apprende, ad esempio, dei problemi di George Washington con la madre che richiedeva sempre più denari al figlio per il suo sostegno, piccoli screzi che dimostrano come “tutti i grandi uomini, litigavano con la madre”, commenta Vidal. Grandi uomini del passato di fronte ai quali, gli uomini politici americani di oggi sono “dei nani di fronte a dei giganti”.
Attraverso la genesi politica della Costituzione, Vidal sottolinea come in realtà, questa non sia stata mai democratica ma oligarchica. È vero anche che gli uomini politici di allora non dissimulavano il loro interesse per il potere e racconta Vidal: “Gli interessi personali hanno sempre forgiato il Governo, ma a proposito Hamilton disse, perché non usare questo interesse trasformandolo in energia positiva per il paese?”. Dalle parole di questi grandi uomini un messaggio per il presente: “È molto facile perdere la Repubblica – afferma l’autore – volevo spiegare come è stata inventata, costruita, per farne capire anche le debolezze intrinseche che potrebbero ogni giorno portare alla sua distruzione”. Soprattutto di questi tempi, in cui l’America è sconvolta dalla tragedia dell’uragano Katrina: “La tragedia ha dimostrato chiaramente l’indifferenza del governo americano verso il proprio popolo – commenta – e la gente è arrabbiata, se ne sta rendendo conto”.
E a chi parla di tragedia in qualche modo voluta risponde: “non credo alla teoria della cospirazione. Non c’è abbastanza materia grigia nel Governo per poter cospirare, contro niente e nessuno”. Confrontando ancora passato e presente sottolinea: “questi eroi del passato al tempo erano superiori alla media, gli uomini politici di oggi non solo sono inferiori a loro, ma anche alla media nazionale”. Il vero problema comunque per Gore Vidal è nell’informazione: “I media in America sono veramente corrotti, è per questo che l’informazione è carente, basti pensare che il 70% degli americani pensa che sia Saddam Hussein il responsabile dell’11 settembre, che poi è la motivazione che Bush ha usato per andare illegalmente in guerra”.

 

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
L’invenzione degli Stati Uniti
Collana:
Numero Collana:
114
Pagine:
184
Codice isbn:
9788881128
Prezzo in libreria:
€ 11,00
Data Pubblicazione:
16-09-2005

Libri dello stesso autore

impero

Impero

Gore Vidal

Traduzione di Benedetta Marietti Dopo L’età dell’oro e Emma, 1876 prosegue il ciclo Narratives of Empire: sette romanzi che, tra feroci polemiche e grandi consensi, hanno accompagnato Gore Vidal per oltre trent’anni. Una vera e propria controstoria dell’America, dalla..
VEDI DETTAGLI
la statua di sale

La statua di sale

Gore Vidal

Traduzione di Alessandra Osti La statua di sale è la storia di Jim Willard, figlio “normale” di una famiglia della media borghesia del Sud: bello, atletico e schivo. E innamorato del suo migliore amico. Dopo un weekend d’amore insieme a lui, Jim trascorrerà molti anni..
VEDI DETTAGLI
emma, 1876

Emma, 1876

Gore Vidal

Traduzione di Silvia Castoldi «Ho sempre pensato che da qualche parte in questo paese corrotto e moralista ci siano ancora degli uomini che sanno come dovrebbe essere fatta una società che si rispetti». È il 1876, l’anno in cui cade il centenario della fondazione degli..
VEDI DETTAGLI
L'età dell'oro

L’età dell’oro

Gore Vidal

Traduzione di Luca Scarlini Narratives of Empire è una vera e propria controstoria dell’America, dagli albori della repubblica statunitense fino al secondo dopoguerra, composta da sette romanzi: Burr; Lincoln; Emma, 1876; Impero; Hollywood; Washington D.C.; L’età..
VEDI DETTAGLI
giuliano gore vidal

Giuliano

Gore Vidal

Postfazione di Domenico De Masi Traduzione di Chiara Vatteroni Pubblicato per la prima volta nel 1964, Giuliano è uno dei romanzi di maggiore successo di Gore Vidal. La fortuna ininterrotta che i lettori gli hanno tributato dalla sua uscita e gli apprezzamenti..
VEDI DETTAGLI
creazione

Creazione

Gore Vidal

Prefazione di Anthony Burgess Traduzione di Stefano Tummolini Socrate, Buddha, Confucio, protagonisti degli splendori culturali dell’antichità classica, rivivono grazie alla magistrale penna di Vidal in tutta la loro grandezza umana, spirituale e intellettuale. Ciro Spitama,..
VEDI DETTAGLI

Myra Breckinridge

Gore Vidal

Introduzione di Claudio Gorlier Traduzione di Vincenzo Mantovani «Io sono nata per essere una stella, e oggi ne ho tutta l’aria». Fin da bambina Myra vuole entrare nello sfavillante mondo di Hollywood, tanto da plasmare la propria vita come fosse una..
VEDI DETTAGLI

Duluth

Gore Vidal

Con uno scritto di Italo Calvino Traduzione di Alberto Cellotto Duluth è una città degli Stati Uniti, un serial televisivo, un luogo in cui vengono meno le coordinate narrative del tempo e dello spazio. A Duluth si incrociano, fra gli altri, una donna tenente..
VEDI DETTAGLI

Navigando a vista

Gore Vidal

Traduzione di Caterina Cartolano Navigando a vista, il secondo volume di memorie di Vidal, esce in contemporanea in Italia e negli Stati Uniti: dalle colline di Hollywood agli studi di Cinecittà, dall'assassinio di Kennedy al rapimento di Moro, dall'America degli scandali..
VEDI DETTAGLI

Il giudizio di Paride

Gore Vidal

Traduzione di Caterina Cartolano Attraverso le vicende del giovane protagonista, Vidal reinterpreta il mito greco di Paride, il principe di Troia che dovette scegliere tra Era, Atena e Afrodite, ovvero: il potere, la saggezza e la bellezza. Philip Warren, ventottenne americano..
VEDI DETTAGLI

Democrazia tradita

Gore Vidal

Traduzioni di Marina Astrologo, Giuseppina Oneto e Stefano Tummolini Dopo La fine della libertà (2001) e Le menzogne dell’impero (2002), bestseller tradotti in venti paesi, un nuovo contributo di Vidal alla riflessione politica interna ed esterna agli USA. In prima edizione..
VEDI DETTAGLI

La fine della libertà

Gore Vidal

Traduzione di Laura Pugno Ne L’età dell’oro (Fazi 2001), ultimo dei sette romanzi in cui ricostruisce criticamente la storia degli Stati Uniti, Vidal afferma che l’attacco “a sorpresa” su Pearl Harbor non era in realtà tale: Roosevelt infatti ne era a conoscenza in..
VEDI DETTAGLI

Il canarino e la miniera

Gore Vidal

Traduzione di Stefano Tummolini Postfazione di Claudio Magris «“La vita”, scrive Gore Vidal condensando fulmineamente in mezza riga il senso dell’Educazione sentimentale di Flaubert, “non è altro che deriva”. Anche i cinquant’anni in cui spaziano..
VEDI DETTAGLI
Palinsesto

Palinsesto

Gore Vidal

Traduzione di Maurizio Bartocci In Palinsesto Gore Vidal racconta la sua vita di scrittore controcorrente nella usuale prospettiva di coscienza critica dell’impero americano. Dall’adolescenza a Washington quale nipote del senatore T.P. Gore all’apprendistato letterario e..
VEDI DETTAGLI