Hilary Mantel

Wolf Hall

COD: b59c67bf196a Categorie: , , Tag:

Traduzione di Giuseppina Oneto

Il ritratto dell’Inghilterra dei Tudor, una decodifica, ironica e precisa, della corte inglese, un affresco storico che ha premiato la sua autrice con il Man Booker Prize 2009.

Selezionato tra i migliori libri dell’anno dal “Sunday Telegraph”, dall’“Economist”, dal “Times Literary Supplement”, dal “New Yorker” e dal “Washington Post”, tra i migliori libri della decade nella classifica stilata dal “Guardian”, Wolf Hall, finalista al Costa 2009 e all’Orange Prize 2010 è stato per 5 mesi nella bestseller list del “New York Times” e ha venduto in Inghilterra più di mezzo milione di copie.

L’Inghilterra all’inizio del 1500 è in un vicolo cieco, a un passo dal disastro. Se il re morisse senza un erede maschio, il Paese sarebbe condannato a una guerra civile. Enrico VIII vorrebbe annullare il suo matrimonio e sposare Anna Bolena, ma il Papa e la maggioranza dei regnanti d’Europa si oppongono.
Sarà Thomas Cromwell ad occuparsi di questa impasse: figlio di un fabbro di Putney, uomo capace di redigere un contratto come di addestrare un falco, disegnare una mappa e sedare una rissa, arredare una casa così come di corrompere una giuria. Architetto machiavellico del regno di Enrico VIII e artefice dei destini della dinastia dei Tudor, il protagonista del pluripremiato romanzo di Hilary Mantel emerge in tutta la sua contraddittoria umanità: nonostante le sue umili origini, quest’uomo venuto dal nulla, dedito ai mestieri più disparati – mercenario in Francia, banchiere a Firenze, commerciante di tessuti ad Anversa – in virtù delle sole doti intellettuali sarà in grado di rompere le rigide regole della società inglese e rialzarsi da una drammatica situazione personale, e di lui si servirà il re per ottenere il divorzio da Caterina d’Aragona e unirsi ad Anna Bolena, dando così un nuovo corso alla storia della chiesa d’Inghilterra.

Hilary Mantel è nata a Glossop, nel Derbyshire, nel 1952. Scrittrice prolifica, ha esordito nel 1985 con Every Day is Mother’s Day e molti dei suoi romanzi sono stati finalisti a importanti premi letterari, primo tra tutti l’Orange Prize (Beyond Black, di prossima pubblicazione per Fazi Editore). Wolf Hall è stato insignito nel 2009 di uno dei più importanti premi letterari del mondo, il Man Booker Prize, ed è stato finalista al Costa Novel Award 2009 e all’Orange Prize for Fiction 2010. Di Wolf Hall Hilary Mantel sta scrivendo un sequel, The Mirror and the Night. Hilary Mantel è stata inserita nella lista delle 100 persone più influenti al mondo secondo il Time.

“Wolf Hall è il capolavoro di Hilary Mantel. Un libro profondamente umano, uno specchio oscuro appeso davanti al nostro mondo, scritto da una delle più coraggiose e brillanti scrittrici del nostro tempo”.
The Observer

“Wolf Hall ha una mole epica, ma la trama è lirica. Le sue oltre 800 pagine si sfogliano veloci, come in volo”.
The New York Times Book Review

“Forte di una scrittura lirica, pulita e serrata, costruito con assoluta maestria, un’aura di mistero e passaggi estremamente divertenti, Wolf Hall non conosce pari nella narrativa inglese”.
The Guardian

“Una meravigliosa e intelligente riscrittura di un racconto familiare a partire da una prospettiva inusuale, che fa sì che il dramma che si svolse cinquecento anni fa appaia nuovo, e ancora sconvolgente”.
Sunday Times

“Hilary Mantel va sempre in cerca di colori, di pienezza, di musica. Ha letto Shakespeare appassionatamente. E nella sua scrittura si ascoltano i toni del primo James Joyce”.
The New Yorker

“L’abilità di Hilary Mantel nell’estrapolare scene vivide da fonti storiche e restituirgli vita attraverso la sua scrittura è eccezionale”.
London Review of Books

“Indiscutibilmente eccezionale.. una scrittura che si legge compulsivamente. Non c’è parola sprecata e ogni frase è significativa: il seducente immaginario punge e illumina allo stesso tempo, la struttura intricata non perde un colpo nell’effetto drammatico. Cattolici e Protestanti sono allo stesso modo causa di una politica che si paralizza, generano odio, bruciano, torturano e sventrano uomini. Tutto questo in nome di Dio”.
Times Literary Supplement

WOLF HALL – RECENSIONI

 

Natalia Aspesi , F
– 21/01/2015

 

Il circolo letterario più grande del mondo è virtuale

 

 

 

Alessandro Baricco, LA REPUBBLICA
– 22/07/2012

 

“Ti nasconde tutta la sua immensa erudizione perchè Hilary Mantel è una vera scrittrice”

 

 

 

LA REPUBBLICA
– 15/01/2011

 

Hilary Mantel

 

 

 

LA STAMPA
– 07/01/2011

 

A qualcuno pice Cromwell

 

 

 

INTERNAZIONALE
– 05/11/2012

 

Scrittrice da record

 

 

 

L’ESPRESSO
– 05/11/2012

 

Macchè romanzo meglio la realtà

 

 

 

IL SOLE 24 ORE
– 27/03/2011

 

Magnifiche le oscure trame di potere

 

 

 

MARIECLAIRE.IT
– 16/11/2010

 

Vincere il Booker

 

 

 

LIBRI NEWS
– 11/01/2011

 

Fasti e ambiguità nell’Inghilterra dei Tudor rivivono nel romanzo Wolf Hall di Hilary Mantel

 

 

 

LA REPUBBLICA
– 21/02/2013

 

Kate

 

 

 

CORRIERE DELLA SERA
– 21/02/2013

 

La scrittrice contro la “duchessa di plastica”

 

 

 

IL TEMPO
– 12/02/2011

 

Il gigante alle spalle di Enrivo VIII

 

 

 

IL RIFORMISTA
– 05/01/2011

 

Due romanzi storici europei

 

 

 

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO WEB
– 18/10/2012

 

Mantel, ancora Booker Prize con i Tudor

 

 

 

FAMIGLIA CRISTIANA
– 16/06/2011

 

Il consigliere di Enrico VIII

 

 

 

GIORNALE DI BRESCIA
– 12/02/2011

 

Biografie Potere, vizi e virtù nell’ Inghilterra di Enrico VIII

 

 

 

IL SECOLO XIX
– 14/10/2010

 

Bookmaker il fiuto perduto

 

 

 

FLAIR
– 01/01/2011

 

Per non trovarsi impreparati

 

 

 

PANORAMA
– 20/01/2011

 

Wolf Hall

 

 

 

ADNKRONOS
– 02/10/2010

 

Il ritratto dell’Inghilterra dei Tudor in Wolf Hall di Hilary Mantel

 

 

 

DIGGITA.IT
– 11/01/2011

 

In arrivo il romanzo del Man Booker Prize 2009

 

 

 

 

Il gigante alle spalle di Enrico VIII

 

 

 

LOMBARDIA OGGI
– 13/02/2011

 

Wolf Hall, così rivive l’Inghilterra dei Tudor

 

 

 

IL FOGLIO
– 12/02/2011

 

Wolf Hall

 

 

 

CLASS
– 10/02/2011

 

Quel brav’uomo di Thomas Cromwell

 

 

 

DONNA MODERNA
– 02/02/2011

 

Le trame di storia

 

 

 

ANSA
– 18/10/2012

 

Mantel, ancora Booker Prize con i Tutor

 

 

 

VISTO
– 08/07/2011

 

La storia inglese come non l’avete mai letta

 

 

 

L’UNITÀ
– 23/03/2011

 

Intrighi di corte e vecchi vizietti. I festini ai tempi di Enrico VIII

 

 

 

IL MESSAGGERO
– 21/02/2011

 

L’inarrestabile ascesa del consigliere Re

 

 

 

TTL LA STAMPA
– 05/02/2011

 

Tra le lenzuola di Enrico VIII

 

 

 

IL GIORNALE
– 18/10/2012

 

Secondo “Booker Prize” per l’inglese Hilary Mantel

 

 

 

LA REPUBBLICA
– 18/10/2012

 

Hilary Mantel vince il secondo Booker Prize

 

 

 

LETTERA 43
– 18/10/2012

 

Man Booker Prize, Mantel fa il bis

 

 

 

LA GUIDA
– 15/04/2011

 

La voce della Storia nella vita di un uomo

 

 

 

A SUD EUROPA
– 14/03/2011

 

L’epoca di Enrico VIII ritratta in “Wolf Hall” Tra storia e fiction la nuova vita di Cromwell

 

 

 

GIORNALE DI BRESCIA
– 27/02/2011

 

L’altra faccia di Cromwell l’audace ombra di Enrico VIII

 

 

SCHEDA TECNICA

Autore:
Titolo:
Wolf Hall
Collana:
Numero Collana:
183
Codice isbn:
9788876254567
Prezzo in libreria:
€ 16,50
Codice isbn Epub:
9788864114057
Prezzo E-Book:
€ 9.99
Data Pubblicazione:
13-01-2011

Libri dello stesso autore

Otto mesi a Ghazzah Street

Otto mesi a
Ghazzah Street

Hilary Mantel

Traduzione di Giuseppina Oneto Arabia Saudita, Gedda, Ghazzah Street. Uno strano posto. Un luogo senza passato, un luogo di passaggio dove nessuno si ferma per più di qualche anno e dove la gente, in casa, tiene le sue cose negli scatoloni. Anche la terra e il mare, laggiù, sono..
VEDI DETTAGLI
al di la del nero

Al di là del nero

Hilary Mantel

Traduzione di Giuseppina Oneto Dalla più grande scrittrice inglese del nostro tempo, prima e unica donna a ricevere due volte il Man Booker Prize, dopo i grandi successi di Wolf Hall, Anna Bolena, una questione di famiglia e La storia segreta della Rivoluzione ecco un romanzo..
VEDI DETTAGLI

I giorni del terrore

Hilary Mantel

Traduzione di Giuseppina Oneto «La rivoluzione è come Saturno: divora i suoi figli». A parlare è Vergniaud, in piedi al banco degli imputati. Il Tribunale rivoluzionario ha appena pronunciato la sentenza: fino a qualche settimana prima era presidente della Convenzione..
VEDI DETTAGLI

Un posto più sicuro

Hilary Mantel

Traduzione di Giuseppina Oneto Continua la pubblicazione del grande romanzo sulla Rivoluzione Francese dalla penna della più grande scrittrice inglese vivente, vincitrice di due Man Booker Prize con i precedenti romanzi storici, Wolf Hall e Anna Bolena, una questione di..
VEDI DETTAGLI

La storia segreta della rivoluzione

Hilary Mantel

Traduzione di Giuseppina Oneto Dopo la saga dei Tudor ecco il più grande e graffiante affresco mai scritto sull’evento fondante della società occidentale moderna, la Rivoluzione francese. La Mantel ha vinto due Booker Prize per una stessa opera, prima volta nella storia del..
VEDI DETTAGLI